Glicosidi

ott142014

I farmaci sono la causa principale di anafilassi mortale

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of allergy and clinical immunology, le reazioni ai farmaci sono la causa principale delle morti per anafilassi, specie tra i neri e gli anziani. Gli Stati Uniti non hanno un registro nazionale delle anafilassi...
transparent
Diabete non diagnosticato in Usa: 28% per i Cdc, per la Johns Hopkins 11%

giu242014

Diabete non diagnosticato in Usa: 28% per i Cdc, per la Johns Hopkins 11%

Almeno 29 milioni di persone negli Stati Uniti (circa il 9% della popolazione) attualmente è affetto da diabete. Ma circa 1 paziente su 4 non lo sa (il 28%). È quanto rivelano gli ultimi dati provenienti dai Centers for disease control and prevention...
transparent
L’emoglobina glicata non aiuta a predire il rischio cardiovascolare

mar312014

L’emoglobina glicata non aiuta a predire il rischio cardiovascolare

Secondo uno studio pubblicato su Jama che ha incluso quasi 300.000 adulti senza storia nota di diabete o malattie cardiovascolari, aggiungere alle informazioni sui tradizionali fattori di rischio cardiovascolare come il fumo e il colesterolo, quelle sull’emoglobina...
transparent

mag152013

Macrolidi: prolungata profilassi delle riacutizzazioni bronchiectasiche

Nello stesso numero di JAMA della fine di marzo u.s. sono stati pubblicati 2 studi di intervento - BLESS study e BAT study - che hanno voluto verificare se un prolungato periodo di “profilassi” con macrolidi fosse in grado di ridurre le riacutizzazioni...
transparent

apr92013

BsAg quantitativo nell’epatite B in terapia con analoghi nucleos(t)idici

Anche se gli studi sull’argomento sono ancora pochi, talora con piccole casistiche e con tempi di osservazione non sufficientemente lunghi, si può ritenere che le variazioni dei livelli di HBsAg quantitativo (HBsAg Q) nel siero, insieme ad altri parametri...
transparent

mar272013

Macrolidi e bronchiectasia: benefici, ma a caro prezzo

Tra i pazienti con bronchiectasia in assenza di fibrosi cistica, il trattamento con antibiotici come azitromicina o eritromicina produce un netto miglioramento dei sintomi, ma aumenta il rischio di antibiotico resistenza. Lo riportano due trial controllati randomizzati
transparent

mar262013

Riacutizzazione della BPCO: efficace la terapia combinata

Ponderoso un recente studio retrospettivo di coorte su pazienti di età > 40 anni ricoverati in 410 ospedali per acuti degli Stati Uniti per riacutizzazione di BPCO dal 1° gennaio 2006 al 1° dicembre dell’anno successivo, che ha voluto verificare...
transparent

gen232013

Fragole e mirtilli neri proteggono il cuore delle donne

Un'alimentazione ricca di antocianine - flavonoidi con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie di cui sono ricchi in particolare i mirtilli neri della varietà Vaccinium myrtillus – sembra in grado di ridurre di circa un terzo il rischio di infarto...
transparent

set262012

Outcome nell’anziano fragile: quale obiettivo di HbA1c?

Nei pazienti affetti da diabete mellito residenti in una casa di cura per anziani, richiedenti assistenza continua qualificata, in quanto non in grado di vivere in modo indipendente, un valore di HbA1c compreso tra 8% e 8,9% è risultato associato, a 2...
transparent

giu122012

Azitromicina e rischio di aritmie

Molti macrolidi hanno effetti proaritmici, per cui vengono associati al rischio di morte improvvisa. Per contro l’azitromicina viene generalmente considerata come poco o punto cardiotossica, ma recenti reports riferiscono che anch’essa può avere un carattere...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community