Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Rifiuto di intervento del medico del 118
Administrator
#1 Inviato : lunedì 26 settembre 2011 8.50.12(UTC)
Rank: Administration
Messaggi: 7.369

RIFIUTO DI INTERVENTO DEL MEDICO DEL 118


Il fatto La Corte d’appello di Palermo ha confermato la sentenza di condanna a un anno di reclusione per il reato di rifiuto di atti d’ufficio, pronunciata a carico di un medico di turno sull''autoambulanza del servizio 118. Il sanitario era stato accusato di essersi rifiutato di compiere un atto del proprio servizio, consistente nel trasportare in un''idonea struttura un paziente che, ricoverato presso una comunità terapeutica assistita dell’ospedale, aveva perso conoscenza e non rispondeva agli...

Per leggere l'intero articolo cliccare qui

Michele Arcangelo Mussari
#2 Inviato : lunedì 26 settembre 2011 8.54.03(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 472

Ritorno sul fatto già oggetto di un articolo nei giorni scorsi dopo aver letto più in dettaglio la sentenza della S.C. Cassazione in merito. Indubbiamente il comportamento del collega imputato avrebbe dovuto essere meno rigido (o burocratico), nel senso che avrebbe comunque dovuto valutare di persona le condizioni del paziente per verificare i caratteri d'urgenza o meno della situazione, dopo aver avvisato la C.O. prima di muoversi dalla sede.  Una volta stabilita la necessità o meno del trasporto assistito in altro ospedale, avrebbe dovuto eventualmente comunicare la sua decisione alla C.O. (coordinatrice dell'attività 118 territoriale).

Detto questo, bisognerebbe sicuramente valutare anche il contesto del fatto non pienamente delineato neppure nel riassunto letto sul portale del Centro Studi Diritto Sanitario, soprattutto per poter stabilire se esisteva o meno l'"alto grado di criticità" enunciato nella sentenza della S.C. Cassazione.

Certamente non si possono non considerare due fatti emersi da una lettura attenta della sentenza: 1) il malato era comunque assistito in un ambito ospedaliero da personale medico e paramedico: c'era la possibilità di un trasporto mediante ambulanza in dotazione alla struttura ospedaliera ove era ricoverato il paziente?; 2) sotto il profilo delle conseguenze penali, mi pare sproporzionata la mancata applicazione delle attenuanti  generiche in relazione alla presunta dolosità del comportamento del medico 118, con la comminazione della pena massima prevista senza condizionale,  visti gli esiti che mi pare non abbiano comportato il decesso del paziente, altrimenti l'imputazione sarebbe stata quella ben più grave di omicidio colposo rispetto alla sola omissione di atti d'ufficio.

Dr. Michele A. Mussari Dirigente Medico 118 ASL SALERNO

DAVID MAZZANTINI
#3 Inviato : lunedì 26 settembre 2011 19.18.25(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 747
La giustizia è sempre imprevedibile e spesso non giusta, l'interpretazione delle norme è spesso soggettiva legata al capriccio dei giudici che ti trovi di fronte in quel momento ed anche a un certo loro grado di ignoranza sulle modalità di organizzazione dell'attività medica in questione. Insomma se queste regole comportameentali  o linee guida del 118 non sono giuste, dovrebbero essere bocciate a priori dalla magistratura che tace, tace sempre e poi dopo un dibattimento "stanga" il collega in modo spropositato per far colpo sull'opinione pubblica (al collega mi sembra che non gli abbiano neppure accordato la condizionale come se fosse un criminale recidivo!). Insomma è una vergogna, perchè il magistrato non ha analizzato la questione al contrario ed in tutte le possibili circostanze? Se il medico del 118 fosse andato a soccorrere quel paziente per una semplice chiamata diretta di un cittadino e nello stesso tempo fosse stato chiamato dalla centrale del 118 per un paziente nelle medesime condizioni? Che cosa sarebbe successo dal punto di vista legale se questo medico non si fosse reso disponibile a prescindere dai comandi della centrale operativa? Se poi un qualsivoglia cittadino (e il medico della struttura lo era comunque in senso lato) potesse chiamare sempre direttamente l'ambulanza col medico a bordo a ragione o a torto a che cosa servirebbe l'organizzazione  e la centrale  del 118? Infine perchè il medico della struttura si è impuntato a chiamare direttamente il collega del 118 quando avrebbe potuto chiamare la centrale  stessa? Non vi sembra un'ìimpuntatura fine a se stessa ma che ha causato una sentenza a parer mio vergognosa e scandalosa con enorme danno esistenziale per il collega del 118?
Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.