Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Revisione intramoenia
Nicola Miglino
#1 Inviato : mercoledì 8 settembre 2010 19.10.48(UTC)
Rank: Member
Messaggi: 10
Il ministro Fazio chiede provvedimenti urgenti per una maggiore trasparenza nell'esercizio dell'intramoenia. Quali sono, a votro giudizio, i più importanti nodi da sciogliere?
Massimo Bisconcin
#2 Inviato : giovedì 9 settembre 2010 11.51.25(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 1
Fazia fa bene a pretendere chiarezza. Proprio nel nome della libertà, che non può comportare discriminazione tra le liste pubbliche (troppo leeeente) e quelle private (troooppo rapide). D'altronde il senatore Marino, forse all'epoca troppo occupato a farsi i suoi di "affari" accademici, dimentica che il "doppio binario" negli ospedali lo creò la sua sodale Rosy Bindi, ministro della salute nel quinquennio di centrosinistra 1996-2001. Fu proprio la sua "patch" a creare dentro alle strutture pubbliche la fila dei ricchi (inesistente) vicina alla fila dei poveri (lunga e vergognosa).
alfio sciuto
#3 Inviato : giovedì 9 settembre 2010 14.59.09(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 1
E` tempo che il governo metta mano a questa questione dove colleghi si fanno pagare il loro lavoro gia` pagato dalle tasse degli italiani. Al di la` di questo abbimo l1approfittarsi dei colleghi che dicono di avere una lunga lista di attesa, "ma" nel momento in cui si va in intramoenia la prestazione viene erogata subito. Senza pensare, e concludo, che l`ospedale , il personale e le attrezzature "costose" sono state pagate dal sudore e sangue delle tasse di tutti gli italiani
Andrea Campi
#4 Inviato : venerdì 10 settembre 2010 0.31.33(UTC)
Rank: Member
Messaggi: 11
L'intramoenia è una presa in giro.Lo Stato sociale non è in grado di offrire un servizio decoroso e deve affidarsi alla attività privata,un fallimento!!! Il medico intramoenia percepisce circa 500 euro al mese dallo Stato anche se non ha neppure un paziente.L' 87% degli incassi va ai medici e per le spese delle apparecchiature.Uno schifo.La Bindi affermava che non interessa il bilancio,l'importante è offrire un'alternativa alle liste d'attesa.Che imbecille.
Luigi Guacci
#5 Inviato : venerdì 10 settembre 2010 9.43.40(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 531
Un momento! Spero che dicendo "lo stato non è in grado di dare un servizio decoroso e deve affidarsi al privato" non si voglia auspicare che, dopo le banche dopo Mac Donald dopo le varie inutili guerre, non si voglia copiare gli USA anche nella gestione della sanità, l'unica perla che possiamo ancora vantare. Se i nostri governanti non sono in grado di renderla efficiente è solo colpa nostra che li abbiamo votati. Ognuno ha sempre ciò che si merita, ma guai a parlare di sanità privata. Certo in momenti in cui si parla di privatizzare l'acqua........
Luigi Loiotila
#6 Inviato : venerdì 10 settembre 2010 12.13.59(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 8
Trovo strano una modifica quando le normative vigenti non sono state applicate e sopratutto eluse. trovo strano anche la replica del dott. Marino (che non ha mai lavorato in Italia), quando molte asl, anche di sinistra usano l'intramoenia per coprire carenze di personale. Si deve a mio avviso garantire il servizio indipendentemente dalle modalità d'accesso ad esso, con l'applicazione delle regole deontologiche e di legge esistenti, scompaginando quel falso credo popolare che solo alcuni medici siano capaci e che solo se si paga si è ben curati. Ma per fare questo ci vorrebbero organi ordinistici e direttori sanitari e generale al di fuori delle logiche politiche.
Michele Arcangelo Mussari
#7 Inviato : venerdì 24 settembre 2010 15.21.05(UTC)
Rank: Member
Messaggi: 13
Noto che molti colleghi sono alquanto disinformati o addirittura totalmente ignoranti in merito, tanto che mi viene il dubbio che siano... veramente medici. In una situazione di finanze regionali disastrate, specialmente in alcune regioni con piani di rientro, ben venga l'intramenia anche allargata, in quanto le asl non mettono a disposizione locali propri ai dirigenti che, a norma contrattuale, hanno pieno e sacrosanto diritto di effettuare l'alpi. Il problema delle liste d'attesa é solo e sempre aziendale e quindi politico e poco ha a che fare con la pratica attuazione dell'attività intramenia. E' necessario dunque essere pragmatici e, come sottolineato anche dal segretario nazionale ANAAO Troise, non si possono buttar via gli introiti derivanti alle aziende da tale attività!!
Luigi Guacci
#8 Inviato : martedì 5 ottobre 2010 10.52.43(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 531
Non mi è molto chiaro l'intervento del collega Mussari. A prescindere dal fatto che si può essere degli ottimi medici e contemporaneamente essere disinformati sui problemi finanziari e organizzativi delle ASL..... tanto che personalmente (perdonate l'ignoranza) non so cosa sia “l'intramenia …. allargata” ….. insomma non si può disconoscere che l'intramenia sia a tutti gli effetti una attività privata, anche se gestita (?) dalle ASL, ed è mio convincimento che con i soldi destinati alla sanità pubblica si potrebbe fare molto di più e molto meglio. Solo che i nostri amministratori o non sanno (!?!?) o più verosimilmente non vogliono perchè perseguono precisi interessi personali legati alla sanità privata convenzionata. Altro che “non si possono buttar via gli introiti derivanti alle aziende da tale attività!!”
Michele Arcangelo Mussari
#9 Inviato : martedì 5 ottobre 2010 19.23.42(UTC)
Rank: Member
Messaggi: 13
Rispondo in merito alle contestazioni poste dal collega Guacci. Anzitutto, in risposta agli interventi nel forum di altri partecipanti, notavo che essi non hanno ben letto il CCNL che regola l'attività intramoenia dei pubblici dipendenti, e che invece ogni dirigente medico dovrebbe conoscere bene, ma senza in alcun modo mettere in dubbio il fatto che essi siano "buoni medici" da un punto di vista professionale: solo conoscendo bene le leggi, e quindi i propri diritti/doveri, é possibile contrastare l'invadenza dei politici nel campo sanitario. Circa l'intramoenia cosiddetta "allargata" intendevo riferirmi all'attività intramuraria svolta nei propri studi, perfettamente legittima: forse il collega risiede in una regione dove le ASL mettono a disposizione locali in cui poter svolgere tale attività OBBLIGATORIA, ma molte regioni non hanno modo per ragioni economiche (piani di rientro), di poter fare questo né possono d'altra parte impedire un sacrosanto diritto dei dirigenti medici, come previsto dal CCNL 8/6/2000 e seguenti ai relativi articoli. Infine la frase “non si possono buttar via gli introiti derivanti alle aziende da tale attività" l'ha detta il segretario nazionale dell'ANAAO-ASSOMED Troise, con cui concordo pienamente, in quanto l'intramoenia, sia svolta in strutture dell'ASL sia nei propri studi professionali, rappresenta comunque una fonte di guadagno per le aziende stesse, la qual cosa non é trascurabile in questi tempi di vacche magre. Spero di aver chiarito meglio il mio pensiero al collega e agli altri lettori.
Pietro Arrighi
#10 Inviato : martedì 5 ottobre 2010 22.15.59(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 1
ok
Luigi Guacci
#11 Inviato : mercoledì 6 ottobre 2010 10.00.19(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 531
Forse non mi sono spiegato bene: io sono contrario all'intramenia! Sia perchè se uno ha un motivo valido per fare presto un esame il servizio pubblico deve essere in grado di farlo senza sovrapprezzo, ma anche perchè la maggior parte di questi pazienti vanno poi a intasare i pronto soccorso e non all'intramenia. Quindi anche con le illuminanti precisazioni del collega io rimango disinteressato ai problemi finanziari e or5ganizzativi dell'intramenia. Saluti
Michele Arcangelo Mussari
#12 Inviato : giovedì 7 ottobre 2010 14.43.05(UTC)
Rank: Member
Messaggi: 13
Vorrei solo brevemente dire al collega Guacci che ognuno é libero di pensarla come vuole circa l'intramoenia. Resta il fatto che tale istituto di tipo, ripeto, obbligatorio per i medici dirigenti a rapporto esclusivo fa parte di una legge nazionale che regola i rapporti della dirigenza medica ed è normato agli articoli 54 e seguenti del CCNL 08/06/2000. Dal testo non si evince certo che essa é stata istituita con il solo scopo di ridurre le liste di attesa. D'altra parte ci sarà un motivo per cui oltre il 95% dei medici pubblici l'ha scelta. A meno che il collega non sia dipendente, oppure faccia solo attività extramuraria con perdita dell'indennità di p.d. oppure rientri nelle categorie di dirigenti medici esclusi da tale attività (ma percepenti un'indennità di perequazione anche coi soldi incassati dall'intramenia) oppure operi in regioni senza problemi di bilancio (fondamentaleper consentire persino il puntuale pagamento dello stipendio!!)
redazione
#13 Inviato : lunedì 18 ottobre 2010 18.11.47(UTC)
Rank: Administration
Messaggi: 51
Spett.le Forum, sono un Medico che lavora per il dipartimento di prevenzione, servizio igiene alimenti e nutrizione. Posso avanzare domanda di intramoenia allargata alla mia azienda sanitaria? Se si quali sono le discipline che mi possono essere indicate? Grazie. Cordiali saluti. Pasquale Carlo Sileo
redazione
#14 Inviato : lunedì 18 ottobre 2010 18.17.06(UTC)
Rank: Administration
Messaggi: 51
In riferimento all’intervista al dottor Costantino Troise, Doctornews 18/10/10 Gent. dr. Troise, la prego di non dire cose assolutamente non corrispondenti alla verità. Glielo dico da medico e da ex professore universitario con cinquant'anni di carriera alle spalle, oltre che da medico che da vari anni si fa visitare in incognito da vari noti (e meno noti) colleghi (?). Le lamentele sull'intramoenia sonno tutte verissime, sia che riguardino gli appuntamenti sia il mancato, o parziale, rilascio delle fatture. Dimentichi e metta da parte il linguaggio da sindacalista e si riguardi il "Giuramento di Ippocrate". Le farà bene! Resto in attesa di un suo riscontro a questa mia. Cordialmente. Prof Giacomo Carlo Modugno (ex Univ. La Sapienza, Roma)
Andrea Campi
#15 Inviato : martedì 19 ottobre 2010 23.48.37(UTC)
Rank: Member
Messaggi: 11
Leggo su DoctorNews33 del 18-10-2010 che Costantino Troise , segretario nazionale di Anaao-Assomed,afferma: "I dati dell'Osservatorio sull'intramoenia dicono che soltanto un paziente su cinque sceglie la prestazione in regime privato perché nel pubblico l'attesa sarebbe troppo lunga.".Bene!!! Ciò significa che l'indennità di esclusività percepita da tanti medici è un regalo offerto anche a chi di pazienti non ne ha neanche uno!E' chiaro perchè il 95% dei medici ha scelto l'intramoenia.Tutti bravi,complimenti!
Andrea Campi
#16 Inviato : martedì 2 novembre 2010 23.37.36(UTC)
Rank: Member
Messaggi: 11
Allora,la discussione si è chiusa?Siete forse in tanti ad essere d'accordo con l'idea geniale targata Bindi?Mi piacerebbe sentire qualche commento a quanto ho scritto tempo fa.Vi aspetto!
Michele Arcangelo Mussari
#17 Inviato : mercoledì 3 novembre 2010 11.40.37(UTC)
Rank: Member
Messaggi: 13
Vorrei rispondere al collega Campi in merito alle sue affermazioni circa quanto detto da Troise sull'ALPI. Anzitutto i medici italiani, particolarmente i dipendenti, sono i peggio pagati d'Europa e del mondo occidentale, quindi l'indennità di esclusività in busta paga non é affatto un regalo. Inoltre la sua istituzione ha rappresentato un tentativo di avviare una regolamentazione di tale attività rispetto alla "giungla" di lavoro privato senza regole esistente prima, questo lo sappiamo bene, a detrimento dei compiti istituzionali. In ogni caso al momento l'ALPI é considerata un diritto dei medici a rapporto esclusivo sancito contrattualmente. Ciò non toglie che esiste pure un'attività extramenia per chi guadagna tanto da poter fare a meno dell'indennità di esclusività. Certamente anche l'ALPI presenta delle pecche cui la bozza Fazio riportata sull'attuale numero di Doctornews33 tenterà di rimediare. E meno male che la stragrande maggioranza dei dirigenti medici ha scelto il rapporto esclusivo, perchè, come ho già detto precedentemente in questo forum, una parte dei suoi introiti viene utilizzata per sostenere i fondi che servono ad assicurare voci stipendiali così da rendere la busta paga più DIGNITOSA anche a chi si lamenta dei "regali".
Eduardo Caruso
#18 Inviato : sabato 20 novembre 2010 18.32.00(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 2
Io sono convintissimo e sostengo fermamente che la intramoenia deve essere abolita. Certamente moltissimi colleghi non sono d'accordo con me. Il medico ospedaliero deve fare eslusivamente il medico ospedaliero. Certamente nulla toglie che il medico ospedaliero possa chiedere in cambio ....un risarcimento economico.
Eduardo Caruso
#19 Inviato : sabato 20 novembre 2010 18.33.01(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 2
Io sono convintissimo e sostengo fermamente che la intramoenia deve essere abolita. Certamente moltissimi colleghi non sono d'accordo con me. Il medico ospedaliero deve fare eslusivamente il medico ospedaliero. Certamente nulla toglie che il medico ospedaliero possa chiedere in cambio ....un risarcimento economico.
Giuseppe Santacroce
#20 Inviato : giovedì 25 novembre 2010 8.37.36(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 1
gentilissimi colleghi, la discussione sull'intramoenia è sterile. io sono e ripeto io, ognuno poi può pensarla come crede, del parere che gli ospedalieri sono pagati poco, e sono oberati dal lavoro che molte volte non viene svolto correttamente sul territorio. Poi spiegatemi perchè pensate che il medico che fà l'intramenia percepisca più dell'85% della parcella? non è affatto vero alla fonte l'azienda che fornisce locali e attrezzature prende il 30% poi il sanitario dal restante paga le tasse sul totale fatturato quindi anche le tasse sul 30% dell'azienda. correggetemi se sbaglio, per cui io sono tra i pochi a non effettuare attività libero professionale nè intra nè extramoenia. Per di più sono convinto che dopo che io ho dato le mie 38 ore settimanali, dove lo stato può dire la sua se lavoro bene o no! , per il restante tempo se mi va di "prostituirmi", scusate il termine, allo stato poco cale perchè è tempo che sottraggo alla mia famiglia, lo stato deve vigilare rendendo conveniente a che si rivolgesse a me privatamente a chiedere fattura. detto ciò vi porgo i miei più cordiali saluti
Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.