Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Relazioni tra forza muscolare, mobilità e Alzheimer
giovanni colonna
#1 Inviato : martedì 3 gennaio 2023 07:29:34(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 793

A proposito di Alzheimer

Meyasami S. et al., Handgrip Strength Is Related to Hippocampal and Lobar Brain Volumes in a Cohort of Cognitively Impaired Older Adults with Confirmed Amyloid Burden.  Journal of Alzheimer's Disease, vol. Pre-press, no. Pre-press, pp. 1-8, 2022 14 December 2022.

 At: https://content.iospress...eimers-disease/jad220886

 C’è un interessante studio che mostra una forte correlazione tra forza muscolare, mobilità fisica e volume del cervello, anche nell'ippocampo che è alla base della funzione della memoria, negli adulti con malattia di Alzheimer (AD). Gli investigatori hanno trovato relazioni statisticamente significative tra una migliore forza di presa e mobilità e volumi cerebrali ippocampali e lobari in 38 adulti con problemi cognitivi con evidenza di biomarcatori di AD. L'implicazione è che la forza muscolare e la mobilità influenzano la salute del cervello e possono potenzialmente essere modificate per migliorare i risultati nelle persone con MA.

I ricercatori hanno misurato la forza della presa nelle mani dominanti e non dominanti dei pazienti utilizzando un dinamometro manuale e hanno calcolato l'asimmetria della presa. La mobilità è stata misurata tramite il test del cammino di 2 minuti. Insieme, i risultati del test sono stati utilizzati per classificare i pazienti come "fragili" o "non fragili". Hanno misurato i volumi cerebrali regionali utilizzando Neuroreader (Brainreader), un'applicazione software approvata dalla FDA statunitense che misura i volumi cerebrali sulle scansioni MRI. I ricercatori hanno scoperto che una maggiore forza di presa non dominante era significativamente associata a volumi maggiori nel volume dell'ippocampo ( P = .02). Inoltre, una maggiore forza di presa dominante correlata con un maggiore volume del lobo frontale ( P = .02).

 Il limite principale dello studio è il disegno trasversale che preclude il trarre conclusioni definitive sulle relazioni causali tra la forza della presa e i cambiamenti nella struttura del cervello. Inoltre, lo studio ha utilizzato un campione di convenienza relativamente piccolo di pazienti ambulatoriali di una clinica specializzata in memoria.

Tuttavia, nonostante queste limitazioni, i risultati sottolineano l'importanza delle "connessioni corpo-cervello. Allenare i muscoli aiuta a sostenere il nostro cervello, e viceversa. L'esercizio rimane tra le migliori strategie per mantenere un corpo e una mente sani con l'invecchiamento. L'allenamento aerobico aiuta il cervello, questi risultati aggiungono l'importanza dell'allenamento della forza nel sostenere un buon invecchiamento.

Tutti in palestra.

Un saluto

Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.


chiudi