Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Covid-19, medici di famiglia in crisi. Cavicchi: si va verso una convenzione che non aiuta
Administrator
#1 Inviato : venerdì 14 gennaio 2022 13:29:30(UTC)
Rank: Administration
Messaggi: 8.115

COVID-19, MEDICI DI FAMIGLIA IN CRISI. CAVICCHI: SI VA VERSO UNA CONVENZIONE CHE NON AIUTA


Ospedali intasati di pazienti Covid, interventi chirurgici rinviati, autorità regionali che rivolevano in servizio medici ed infermieri contatti stretti di positivi. Questo era la sanità nazionale nel 2020 nella prima ondata di coronavirus. A due anni di distanza le cose non sembrano cambiate nel sos lanciato dal presidente dell'ordine dei medici fiorentino Pietro Dattolo , che individua tre gravi punti di crisi nel sistema: mancano sanitari per affrontare il non Covid; mancano strutture...

Per leggere l'intero articolo cliccare qui

calypso
#2 Inviato : venerdì 14 gennaio 2022 13:29:33(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 53
Per fotuna sto per andarmene, come un pugile che termina la carriera, cercando di rimanere in piedi e perdere ai punti, ma tra qualche giorno, continuando così, andrò KO......Vedere questo sfacelo ora mi preoccupa notevolmente da cittadino, utente di questa sanità gestita da emeriti CIALTRONI, appoggiati da rappresentanti medici completamente inefficienti e venduti.
Francesco Sanna
#3 Inviato : venerdì 14 gennaio 2022 22:51:35(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 62

È avvilente leggere certe assurdità scritte da un collega. A questo punto proporrei di organizzare delle visite guidate, in puro stile zoo, per far capire ai vari "produttori di bozze" come funziona un ambulatorio di medicina generale. 

Pietro Maria Calderino
#4 Inviato : sabato 15 gennaio 2022 06:33:57(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 62

È dal 1978 che non funziona la convenzione; a mio parere, in questo paese manca la consapevolezza del significato di libertà e dei corollari che ne conseguono; si invocano regola, lacci, obblighi che da tanti p, complessi ed assurdi nessuno rispetta.

la pandemia ha messo a nudo il fatto che il dirigismo spezzettato regionale, Aulss, distretti e chi più ne ha non poteva funzionare.

la passione italica per creare stipendi a spese di Pantalone non perde occasione per farsi avanti.

parlare di risultati?

per il politico amministratore = assicurarsi la rielezione assecondando ogni richiesta elettori o utenti

per i sanitari= esercitare con il minimo di rotture e massimo rendimento economico e di risoluzione dei problemi dei pazienti

per gli utenti = tutto subito, gratis e la colpa è degli altri

amen

Pier Franceschi
#5 Inviato : sabato 15 gennaio 2022 08:19:51(UTC)
Rank: Member
Messaggi: 15

Calderino lapidario  ha colto nel segno.

domando; in realtù i medici in Italia non sono pochi (a metà di M/1000 abitanti nei paesi euriopei). Mancano infermieri e OS in ospedale, infermieri e assistenti di segreteria nella MG. Manca organizzazione e il lavoro "rende" meno. Per la MG manca (ed è molto grave) un ragionamento su come ristrutturala da parte delle organizzazioni di categoria, che non sia un tentativo mascherata di conservare le "rendite di posizione" (posso fare quel che voglio, bastano 15 ore di ambulatorio, inviare sempre e contentare i pazienti, faccio il oordinatore AFT inoltrando mail etc...). La nuova bozza è un compromesso sull'esistente: lascerà gli ambulatori periferici o dei gruppi (per la gran parte finti senza procedure condivise, solo per risparmiare) a fare della medicina di attesa di bassa lega. Creerà dellee CdC senza infermieri e personale, senza, soprattutto, idee e obiettivi di presa in carico dei problemi di salute, compiti e competenze definiti (PDTA, chi fa cosa nel diabete etc.). E i cosiddetti politici continyano a disgregare il SSN in 22 (?) sisemi regionali, attenti a pompare collaboratori e controlli per intercetare i soldi del PNRR, che finiranno e lasceranno un sistema più costoso da sostenere. Guardate su Quotidiano Sanitàuna proposta concreta che avevo fatto. Oppure valutate il modello portogheese

PL Franceschi MMG e formatore

Francesco Sanna
#6 Inviato : domenica 16 gennaio 2022 01:10:04(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 62

Se sostieni che un MMG possa davvero lavorare 15 ore a settimana, mi risulta difficile credere che tu faccia questo lavoro. È semplicemnte impossibile gestire 1500 assistiti lavorando meno di 35 ore a settimana, tra ambulatorio, visite domiciliari, telefonate, mail, registrazione referti, obblighi burocratici vari, logistica e formazione. La bozza prevede di concentrare lo stesso carico di lavoro in 20 ore e poi farne altre 18. Follia cristallina! Nel caso in cui si concretizzasse assisteremmo a un esodo di massa dalla professione o dal Paese. Me in primis. A una stupidaggine del genere preferisco la dipendenza: lavoro meno e meglio (1 visita ogni 15-20 minuti, infermiere, servizio segreteria, nessuna reperibilità telefonica, finito il mio orario chiudo la porta alle spalle e tanti saluti). 

Italino D'Urbano
#7 Inviato : domenica 16 gennaio 2022 11:47:20(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 1

CONFERMO IN PIENO LE PAROLE DI FRANCESCO SANNA.  IO LAVORO DI MEDIA  OTTO ORE AL GIORNO, CON PICCHI DI DODICI ORE

PER 1300 ASSISITI...

Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.


chiudi