Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Covid-19, trasmissione tramite superfici è un evento possibile ma non in modo significativo
Administrator
#1 Inviato : lunedì 22 febbraio 2021 16.41.59(UTC)
Rank: Administration
Messaggi: 7.451

COVID-19, TRASMISSIONE TRAMITE SUPERFICI È UN EVENTO POSSIBILE MA NON IN MODO SIGNIFICATIVO


Il contagio da Sars-CoV-2 avviene principalmente tramite l'emissione di droplet di grandi dimensioni e piccole particelle di aerosol da parte di persone infette, e la trasmissione attraverso le superfici , sebbene sia teoricamente possibile, non è considerata al momento un rischio significativo come lo era all'inizio della pandemia. Questo, in sostanza, quello che emerge da un articolo pubblicato su Nature, a firma di Dyani Lewis, editorialista di Melbourne, che chiarisce come questo non...

Per leggere l'intero articolo cliccare qui

giovanni colonna
#2 Inviato : martedì 23 febbraio 2021 8.32.07(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 256

Quello pubblicato da Nature non è un articolo scientifico ma una news tipo giornalistico che però riassume la storia della sanificazione durante la pandemia, fino ad oggi. 

E’ molto istruttivo leggerlo per intero per capire come "governi ed esperti" siano volutamente ancora oggi fuori strada. Ve l'ho tradotto (alla meglio) perché è importante capire quanto siano bastardi e incompetenti, come si impiegano male le risorse e come non si fa quello che andrebbe fatto.

Da Nature:

Alla fine di marzo, uno studio di laboratorio ha dimostrato che il coronavirus SARS-CoV-2 può persistere su plastica e acciaio inossidabile per giorni. Ciò ha innescato titoli sorprendenti e una serie di consigli su come decontaminare qualsiasi cosa, dalle maniglie delle porte alla spesa.  

A maggio, l'OMS e le agenzie sanitarie di tutto il mondo raccomandavano che le persone nelle normali strutture comunitarie - case, autobus, chiese, scuole e negozi - pulissero e disinfettassero le superfici, specialmente quelle che vengono toccate frequentemente. Le fabbriche di disinfettanti lavoravano 24 ore su 24 per stare al passo con la forte domanda.

 A luglio un commento puntuale su The Lancet Infectious Diseases, diceva che le superfici presentavano un rischio relativamente basso di trasmissione del virus. Molti altri sono giunti a conclusioni simili. Infatti, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno chiarito le sue linee guida sulla trasmissione di superficie a maggio, affermando che questa via "non è considerata la principale via di diffusione del virus". Per cui la trasmissione attraverso le superfici "non è considerata un modo comune di diffusione del COVID-19".

Poiché le prove si sono accumulate nel corso della pandemia, la comprensione scientifica del virus è cambiata. Gli studi e le indagini sui focolai indicano tutti la maggior parte delle trasmissioni che si verificano a seguito di persone infette che vomitano goccioline di grandi dimensioni e piccole particelle chiamate aerosol quando tossiscono, parlano o respirano. Questi possono essere inalati direttamente dalle persone vicine. La trasmissione di superficie, sebbene possibile, non è considerata un rischio significativo.

Ma è più facile pulire le superfici che migliorare l’ambiente con la ventilazione (elettro-meccanica), soprattutto in inverno, e i consumatori si aspettano protocolli di disinfezione. Ciò significa che i governi, le aziende e gli individui continuano a investire enormi quantità di tempo e denaro in sforzi di pulizia profonda. Entro la fine del 2020, le vendite globali di disinfettanti per superfici ammontavano a 4,5 miliardi di dollari, un aumento di oltre il 30% rispetto all'anno precedente. Secondo un portavoce, la New York Metropolitan Transit Authority (MTA), che sovrintende a metropolitane e autobus e ha perso miliardi di dollari di entrate per i passeggeri nel 2020, ha speso 484 milioni di dollari lo scorso anno nella sua risposta a COVID-19, inclusa una maggiore pulizia e sanificazione.

Parte del problema è che gli specialisti non possono confutare la possibilità di trasmissione fomite e la guida di molte agenzie sanitarie su come trattare le superfici non è stata chiara poiché la scienza è cambiata. A novembre, le autorità cinesi hanno introdotto linee guida che richiedono la disinfezione delle confezioni di alimenti congelati importati. E il CDC (Centro di controllo della pandemia negli USA) indirizza le persone a un elenco completo di agenti che uccidono SARS-C0V-2 e dice: "La disinfezione frequente di superfici e oggetti toccati da più persone è importante".

Gli esperti dicono che ha senso raccomandare il lavaggio delle mani, ma alcuni ricercatori stanno spingendo indietro l'attenzione sulle superfici. A dicembre, l'ingegnere Linsey Marr del Virginia Tech a Blacksburg ha scritto un articolo d'opinione per il Washington Post in cui implorava la gente di ridurre gli sforzi di pulizia. "È diventato chiaro che la trasmissione per inalazione di aerosol - le goccioline microscopiche - è una modalità di trasmissione importante se non dominante", afferma Marr, che studia la trasmissione delle malattie per via aerea. Un'eccessiva attenzione nel rendere le superfici incontaminate richiede tempo e risorse limitati che sarebbero meglio spesi per la ventilazione o la decontaminazione dell'aria che le persone respirano, dice.

Negli ospedali, gli agenti patogeni come lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina , il virus respiratorio sinciziale e il norovirus possono aggrapparsi alle sponde del letto o passare da una persona all'altra sullo stetoscopio di un medico. Quindi, non appena le persone hanno iniziato ad ammalarsi a causa del coronavirus, i ricercatori hanno iniziato a pulire le stanze degli ospedali e le strutture di quarantena per i luoghi in cui il virus poteva essere in agguato. E sembrava essere ovunque.

Nelle strutture mediche, oggetti personali come occhiali da lettura e bottiglie d'acqua sono risultati positivi per tracce di RNA virale, il modo principale con cui i ricercatori identificano la contaminazione virale. Così anche le sponde del letto e le prese d'aria. Nelle famiglie in quarantena, lavabi e docce ospitavano l'RNA e nei ristoranti si è scoperto che le bacchette di legno erano contaminate. E i primi studi hanno suggerito che la contaminazione potrebbe persistere per settimane. Diciassette giorni dopo che la nave da crociera Diamond Princess è stata lasciata libera, gli scienziati hanno trovato RNA virali sulle superfici nelle cabine dei 712 passeggeri e membri dell'equipaggio risultati positivi al COVID-19.

Ma la contaminazione con RNA virale non è necessariamente motivo di allarme, afferma Goldman. "L'RNA virale è l'equivalente del cadavere del virus", dice. "Non è contagioso."

Per affrontare quella parte dell'equazione, i ricercatori hanno iniziato a testare se i campioni di coronavirus lasciati per giorni su varie superfici potessero infettare le cellule coltivate in laboratorio. Uno studio di aprile ha rilevato che il virus è rimasto infettivo su superfici dure come plastica e acciaio inossidabile per 6 giorni; sulle banconote durava 3 giorni; e su mascherine chirurgiche, almeno 7 giorni. Uno studio successivo ha annunciato che il virus vitale era presente sulla pelle per un massimo di 4 giorni, ma sui vestiti è sopravvissuto per meno di 8 ore. E altri hanno trovato virus infettivi sui libri della biblioteca rilegati in pelle naturale e sintetica dopo 8 giorni.

Sebbene questi tipi di esperimenti dimostrino che il coronavirus può sopravvivere sulle superfici, ciò non significa che le persone lo stiano afferrando da superfici come le maniglie delle porte. Goldman e altri mettono in guardia dal leggere troppo negli studi sulla sopravvivenza dei virus, perché la maggior parte non verifica le condizioni che esistono al di fuori del laboratorio. "Erano esperimenti iniziati con enormi quantità di virus, niente che avresti incontrato nel mondo reale", dice. Altri test hanno utilizzato la saliva finta e condizioni controllate come umidità e temperatura, che ampliano il divario tra condizioni sperimentali e reali, afferma Goldman.

Solo pochi studi hanno cercato virus vitali al di fuori del laboratorio. Tal Brosh-Nissimov, che dirige l'unità di malattie infettive presso l'Assuta Ashdod University Hospital in Israele, ei suoi colleghi hanno tamponato oggetti personali e mobili nelle unità di isolamento dell'ospedale e nelle stanze di un hotel di quarantena. La metà dei campioni di due ospedali e più di un terzo dei campioni dell'hotel di quarantena sono risultati positivi per l'RNA virale. Ma nessuno dei materiali virali era effettivamente in grado di infettare le cellule, hanno riferito i ricercatori. Molti paesi hanno fallito nel tracciamento dei contatti COVID, ma alcuni hanno capito bene. In effetti, i ricercatori hanno lottato per isolare il virus vitale da qualsiasi campione ambientale, non solo dai fomiti (fomite è un oggetto che, se contaminato o esposto a microrganismi patogeni, può trasferire una malattia infettiva). Nell'unico studio che ha avuto successo, i ricercatori hanno coltivato particelle virali da campioni d'aria ospedalieri raccolti ad almeno 2 metri da una persona con COVID-19.

Tuttavia, gli scienziati mettono in guardia dal trarre conclusioni assolute. "Solo perché la vitalità non può essere dimostrata, non significa che prima o poi non ci fosse un virus contagioso", afferma l'epidemiologo Ben Cowling dell'Università di Hong Kong.

Gli studi sull'esposizione umana ad altri patogeni forniscono ulteriori indizi sulla trasmissione fomite di virus respiratori. Nel 1987, i ricercatori dell'Università del Wisconsin-Madison misero volontari sani in una stanza per giocare a carte con persone infettate da un rinoceronte comune. Quando ai volontari sani sono state trattenute le braccia per impedire loro di toccarsi il viso e impedire loro di trasferire il virus da superfici contaminate, metà è stata infettata. Anche un numero simile di volontari che erano senza restrizioni è stato infettato. In un esperimento separato, carte e fiches da poker che erano state maneggiate e tossite da volontari malati sono state portate in una stanza separata, dove volontari sani sono stati istruiti a giocare a poker stropicciandosi gli occhi e il naso. L'unico modo possibile di trasmissione era attraverso le carte e i chip contaminati; nessuno è stato infettato. La combinazione di esperimenti ha fornito una forte evidenza che i rinovirus si diffondono nell'aria. Ma tali studi sono considerati non etici per SARS-CoV-2, perché può uccidere.

Sebbene sia probabilmente raro, afferma Cowling, la trasmissione attraverso le superfici non può essere esclusa. "Non sembra che succeda molto, per quanto ne sappiamo."

Le stime di trasmissione basate sui livelli di RNA virale persistenti nell'ambiente sembrano confermarlo. Da aprile a giugno, l'ingegnere ambientale Amy Pickering alla Tufts University di Medford, Massachusetts, e i suoi colleghi hanno prelevato tamponi settimanali di superfici interne ed esterne in una città del Massachusetts. Sulla base dei livelli di contaminazione da RNA e della frequenza con cui le persone toccano superfici come le maniglie delle porte e i pulsanti ai passaggi pedonali, il team ha stimato che il rischio di infezione dal contatto con una superficie contaminata è inferiore a 5 su 10.000, inferiore alle stime per la Infezione da SARS-CoV-2 tramite aerosol e rischio di trasmissione di superficie inferiore a quello di influenza o norovirus.

"La trasmissione via fomiti è possibile, ma sembra essere rara", dice Pickering, che ora è all'Università della California, Berkeley. "Affinché la trasmissione avvenga, devono essere sistemate molte cose."

Ciò potrebbe spiegare perché un confronto globale degli interventi del governo per controllare la pandemia nei suoi primi mesi ha rilevato che la pulizia e la disinfezione delle superfici condivise si sono classificate tra le meno efficaci nel ridurre la trasmissione. Le distanze sociali e le restrizioni di viaggio, inclusi i blocchi, hanno funzionato al meglio. Ciò lascia i ricercatori a smistare dati epidemiologici disordinati su come si diffonde il virus. Dall'inizio della pandemia sono stati pubblicati centinaia di studi sulla trasmissione di COVID-19, ma si pensa che ce ne sia solo uno che riporta la trasmissione attraverso una superficie contaminata, per quella che è stata definita la via moccio-orale. Secondo il rapporto, una persona con COVID-19 in Cina si è soffiato il naso con la mano e poi ha premuto un pulsante nell'ascensore del suo condominio. Un secondo residente nell'edificio ha quindi toccato lo stesso bottone e subito dopo ha passato il filo interdentale con uno stuzzicadenti, trasferendo così il virus dal bottone alla bocca. Ma senza le sequenze genomiche dei virus che infettano ogni persona, la trasmissione attraverso un'altra persona sconosciuta non può essere esclusa.

In un altro caso, si pensa che otto persone in Cina siano state infettate dopo essere entrate nelle fognature contenenti il ​​virus per strada e dopo aver camminato la contaminazione nelle loro case.

Nonostante la rarità di esempi pubblicati di trasmissione di fomiti, le autorità cinesi richiedono che gli alimenti congelati importati siano disinfettati. La modifica delle linee guida ha fatto seguito a un rapporto, che non è stato rilasciato in dettaglio, secondo cui un lavoratore di un'azienda di alimenti surgelati nella città portuale settentrionale di Tianjin è stato infettato dopo aver maneggiato imballaggi contaminati di carne di maiale congelata importata dalla Germania. Ma l'OMS e altri esperti hanno contestato le affermazioni secondo cui le persone possono essere infettate attraverso la catena alimentare in questo modo.

Cowling afferma che sono necessarie indagini più dettagliate, monitorando attentamente chi infetta chi e quali superfici e spazi hanno condiviso nel momento dell'infezione. "Ciò che apprezziamo veramente, davvero sono le indagini epidemiologiche sui modelli di trasmissione, sia nelle famiglie, nei luoghi di lavoro o altrove", afferma. "Non credo che ne abbiamo fatto abbastanza."

Armati di un anno di dati sui casi di coronavirus, i ricercatori affermano che un fatto è chiaro. Sono le persone, non le superfici, che dovrebbero essere la principale causa di preoccupazione. Le prove degli eventi di super diffusione, in cui numerose persone vengono infettate contemporaneamente, di solito in uno spazio interno affollato, indicano chiaramente la trasmissione per via aerea, afferma Marr. "Devi inventare alcuni scenari davvero contorti per spiegare eventi di super diffusione con superfici contaminate", dice.

Il lavaggio delle mani è fondamentale, afferma Marr, perché la trasmissione superficiale non può essere esclusa. Ma è più importante migliorare i sistemi di ventilazione o installare depuratori d'aria che sterilizzare le superfici, dice. "Se abbiamo già prestato attenzione all'aria e abbiamo un po' di tempo e risorse extra, allora sì, pulire quelle superfici ad alto contatto potrebbe essere utile", dice.

Anche le famiglie possono rilassarsi, dice Pickering. Mettere in quarantena la spesa o disinfettare ogni superficie sta andando troppo lontano. "Questo è un sacco di lavoro e probabilmente non sta riducendo la tua esposizione così tanto", dice. Invece, una ragionevole igiene delle mani, così come indossare una maschera e allontanarsi socialmente per ridurre l'esposizione da contatti stretti è un posto migliore per concentrare gli sforzi.

Prove crescenti suggeriscono che il coronavirus è disperso nell'aria, ma i consigli sulla salute non sono stati aggiornati

L'OMS ha aggiornato la sua guida il 20 ottobre, affermando che il virus può diffondersi "dopo che le persone infette starnutiscono, tossiscono o toccano superfici o oggetti, come tavoli, maniglie e corrimano". Un portavoce dell'OMS ha detto a Nature che “ci sono prove limitate di trasmissione attraverso fomiti. Tuttavia, la trasmissione di fomite è considerata una possibile modalità di trasmissione, dato il riscontro costante di contaminazione ambientale, con identificazione positiva dell'RNA di SARS-CoV-2 in prossimità di persone infette da SARS-CoV-2 ". L'OMS aggiunge che "le pratiche di disinfezione sono importanti per ridurre il potenziale di contaminazione da virus COVID-19".

Il CDC non ha risposto alle domande di Nature sulle incongruenze nelle sue dichiarazioni sui rischi posti dai fomiti.

L'enigma che le autorità sanitarie devono affrontare, dice Marr, è che escludere definitivamente la trasmissione di superficie è difficile. Le autorità possono essere riluttanti a dire alle persone di non essere caute. “Non vuoi mai dire 'Oh, non farlo', perché può succedere. E sai, dovremmo seguire il principio di precauzione ", dice.

Nonostante l'evidenza in evoluzione, il pubblico avrebbe potuto aspettarsi livelli aggiuntivi di sanificazione dopo i primi mesi della pandemia. Quando l'MTA di New York ha intervistato i passeggeri alla fine di settembre e all'inizio di ottobre, tre quarti hanno affermato che la pulizia e la disinfezione li facevano sentire al sicuro durante l'uso dei mezzi di trasporto.

Goldman continua a indossare una maschera di stoffa quando esce di casa, ma quando si tratta della possibilità di contrarre il coronavirus da una superficie contaminata, non prende particolari precauzioni. "Uno dei modi in cui ci proteggiamo è lavarci le mani", dice, "e questo vale per pandemia o non pandemia".

Nature 590 , 26-28 (2021)

Un saluto

Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.