Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Integratori "nutraceutici": cosa ne pensate?
Alessandro Massari
#1 Inviato : venerdì 23 ottobre 2020 14.54.17(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 3

Buongiorno a tutti,

 

sono Alessando e sono nuovo del forum. Sono iscritto alla facoltà di Agraria di Bari e sto aiutando una amica che si occupa di marketing e comunicazione a condurre una ricerca su quello che sembra essere un tema in crescita: quello dei cosiddetti integratori nutraceutici.

 

È un tema delicato, perchè molte aziende che lavorano in questo settore millantano proprietà straordinarie e spesso false.

Un integratore alimentare - specie se intende definirsi nutraceutico - deve essere pensato per essere in grado di soddisfare target ben precisi. per fare ciò è assolutamente necessaria una puntuale conoscenza dettagliata del metabolismo cellulare e chiaramente la presa in considerazione di studi scientifici affidabili e conprovati che dimostrino il potenziale effetto positivo sulle funzioni fisiologiche bersaglio da parte di specifici nutraceutici.

Cosa che però vedo spesso mancare in queste aziende di cui sopra.

Volevo sapere la vostra opinione da colleghi ed esperti di settore e se conoscete aziende valide in questo settore.

 

Vi ringrazio e vi saluto.

 

Alessandro

Luigi Giovani
#2 Inviato : venerdì 6 novembre 2020 21.14.54(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 3

Io faccio fatica a capire la differenza a volte. Sinceramente mi sono sempre trovato bene con integratori classici https://www.vitaminexpre...it/opc-vital-opc-capsule. Non ho mai provato nutraceutici!

giovanni colonna
#3 Inviato : mercoledì 11 novembre 2020 14.16.26(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 202

Molti anni fa, una famosa cantante italiana, Betty Curtis, lanciò una canzone che diceva:

 Soldi, Soldi, Soldi, tanti soldi

Beati siano soldi

I beneamati soldi perché

Chi ha tanti soldi vive come un pascià

e a piedi caldi se ne sta.

Qualsiasi cosa si introduce per bocca, e non è un farmaco, quindi un alimento, rende l’azienda che la produce uno strumento per fare soldi. Così da decenni abbiamo l’alimentazione industriale, dove le aziende si fanno guerra a colpi di false promesse e pubblicità ingannevole che cerca sempre di nascondere cosa ci sia realmente nel barattolo, sviando il consumatore. Purtroppo, devi saperne abbastanza, prima di capire quello che c’è scritto sull’etichetta e cosa significhi. Pochi apprezzano la differenza metabolica che c’è tra olio di girasole (ricco di ac. linoleico n6) ed olio di oliva extravergine (ricco di oleico n9). A sentire la pubblicità l’olio di girasole è più leggero, più digeribile, non fa male, ecc., ecc.,. L’olio di oliva è un must e non può essere trattato mai male. Quindi fa bene per definizione.   

Gli ac. grassi n9 (olio di oliva), e n6 (olio di girasole) non sono interconvertibili tra di loro, quindi prendono vie metaboliche diverse. Gli n6 in particolare, sono precursori degli eicosanoidi, mediatori lipidici della trasduzione del segnale (ac. arachidonico, EPA -> leucotrieni, ecc., tutti derivati pro-infiammatori). Gli n9 sono neutri da questo punto di vista e seguono altre strade. Il risultato è che gli oli di semi sono ricchi di n6 con tutte le conseguenze del caso, ma nessuno avverte che un uso continuato contribuisce alla infiammazione sub-clinica che porta alla sindrome metabolica prima e a tanti problemi dopo. Nè sono leggeri, ma hanno lo stesso contenuto calorico dell’olio di oliva. È come dire, pesa più un Kg di piume o un Kg di ferro. L’industria gioca così, spesso alterando la verità scientifica.

Ora mi dirai, ma i nutraceutici sono un’altra cosa.  No, è la stessa cosa. Anche essi sono attanagliati da una pubblicità ingannevole. Qui si vantano pregi metabolici, non organolettici. La maggioranza delle pubblicazioni scientifiche su di essi è sponsorizzata direttamente o indirettamente dalle stesse aziende. Nella scienza una rondine non fa primavera. Un singolo lavoro non significa nulla. Il risultato deve essere confermato con risultati simili da molti altri laboratori sparsi per il mondo. Molte delle “scoperte” sono fatte in coltura. L’organismo in toto ha ben altre risposte. L’unico modo per avere qualche lume in più è avere una solida cultura metabolica e ricercare le fonti su PubMed, solo su PubMed. Li vedrai quanti hanno lavorato su quella specifica sostanza. Poi c’è un’ultima cosa. Catechine, flavoni, isoflavoni, ecc., ecc., ecc., e chi più ne ha, più ne metta, sono quasi tutti composti non biodisponibili, principalmente se estratti e usati come “pillole”, “gocce” ecc. Questo significa che mangiando l’alimento naturale ne metti dentro un po’ di più (ma sempre poco), ma con i prodotti nutraceutici molto, ma molto, poco o quasi nulla. Però introdurrai molte schifezze varie per renderli più solubili nella speranza di farli entrare in circolo.

Io mi darei alla produzione di un pregiato vigneto di uva nera, il cui prodotto rende molto di più e possiede anche alcuni nutraceutici naturali (es. resveratrolo). Che vuoi di più.

Un saluto

Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.