Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Chirurgia metabolica, efficace per ridurre il rischio di eventi cardiovascolari maggiori negli obesi
Administrator
#1 Inviato : venerdì 18 settembre 2020 9.58.27(UTC)
Rank: Administration
Messaggi: 7.471

CHIRURGIA METABOLICA, EFFICACE PER RIDURRE IL RISCHIO DI EVENTI CARDIOVASCOLARI MAGGIORI NEGLI OBESI


Gli interventi di chirurgia metabolica , come il bypass gastrico e la gastrectomia a manica, sono efficaci non solo per il trattamento del diabete di tipo 2 e dell' obesità , ma anche per gestire l'ipertensione e ridurre di conseguenza il rischio di infarto, ictus e morte. Questo è quanto riferiscono Erik Stenberg , della Örebro University (Svezia), e il suo gruppo di lavoro in uno studio pubblicato su Plos Medicine. «L'ipertensione, in particolare se combinata con l'obesità...

Per leggere l'intero articolo cliccare qui

Michele Arcangelo Mussari
#2 Inviato : venerdì 18 settembre 2020 9.58.30(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 478
Ma non si dice da quale livello di BMI ci potrebbe essere l'indicazione della chirurgia bariatrica per l'associazione obesità - ipertensione. Inoltre lo studio presenta importanti limiti nel gruppo di controllo e nella randomizzazione.
giovanni colonna
#3 Inviato : sabato 19 settembre 2020 7.53.34(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 267

La chirurgia è una indicazione estrema per particolari pazienti obesi. Non è una tecnica per risolvere tutti i casi. La ricetta migliore è: prevenire è molto meglio che curare. La quasi totalità delle alterazioni metaboliche che portano all’obesità nascono decine di anni prima, spesso dall’infanzia. Potremmo definirla una malattia culturale dell’uomo moderno. Essa dipende fortemente dallo stile di vita. Lo stile di vita lo si acquisisce attraverso la trasmissione culturale operata dai genitori e dal gruppo etnico in cui si vive ed è cinicamente favorito lungo tutta la vita dall’imperante industria alimentare che camaleonticamente si adatta a tutte le culture. Di fatto l’obesità è un sintomo. Su quasi tutti i cromosomi ci sono gruppi di geni che, se espressi in contesti metabolici alterati, possono indurre obesità. Il fatto è che il nostro genoma non è predeterminato a generare individui obesi, siamo noi che con anni e anni di stile di vita errati ci autoprocuriamo l’obesità. Gli obesi geneticamente predeterminati sono pochissimi.

Dobbiamo partire da una considerazione fondamentale. L’organismo non è biochimicamente compartimentalizzato. Da qualche decina di anni abbiamo dati molecolari (i cosiddetti dati omici) che hanno esplorato a fondo i meccanismi molecolari che operano negli esseri umani per controllare l’omeostasi, quell’insieme di processi metabolici che controlla il corretto equilibrio chimico (cioè i corretti rapporti) tra le popolazioni di tutte le biomolecole necessarie a mantenere l’organismo in buona salute. Il nostro metabolismo è una rete unica (come internet) dove geni, proteine, metaboliti sono i suoi nodi. I nodi sono in relazione funzionali tra di loro con relazioni uno-uno, uno-molti. Il metabolismo è l’espressione globale della rete metabolica (l’insieme di tutti i nodi con le relazioni che li legano). L’alterazione di un nodo si riflette in tutta la rete. La rete metabolica è sensibile allo stile di vita (alimentazione, attività fisica, ambiente). Qualsiasi perturbazione esterna su uno o più nodi, determinata dallo stile di vita, anche piccola, determina un nuovo riequilibrio della rete metabolica che non sarà mai più quello antecedente. La rete è tecnicamente definita come un sistema complesso caotico non-lineare. Questo significa che le risposte metaboliche della rete non sono lineari, cioè non seguono la logica di causa-effetto. Se raddoppio un qualcosa non ho una risposta doppia, se triplico non ho una risposta triplicata, ma una risposta che può essere esponenziale o con altro andamento.  La meteorologia è un sistema complesso caotico non lineare, e sapete quanto sia difficile gestire le sue previsioni. Per periodi brevi (2, 3 gg) riusciamo a predire attendibilmente cosa accade, ma di più no. Lo stesso è per il metabolismo. Quando esaminiamo situazioni locali, limitate, abbiamo risposte lineari (per es. una singola via metabolica), quando esaminiamo la risposta globale non sappiamo da dove origina la risposta e quale sarà (es. l’obesità).

Torniamo all’uomo moderno. Le perturbazioni esterne (alimentazione industriale, sedentarietà, ipercalorie introdotte con i cibi, anche non industriali, e inquinamento) protratte nel tempo, alterano lentamente le nostre risposte metaboliche che attivano processi infiammatori difensivi. Si genera così una forma infiammatoria cronica sub-clinica che passa inosservata per anni e anni (la proteina C reattiva è uno dei  suoi marker, dovrebbe essere zero o quasi zero nelle persone sane) e sfocia nelle numerose e diverse malattie che oggi ci caratterizzano. Tutto ciò influenza fortemente il nostro genoma che non viene alterato ma l’espressione dei suoi geni viene alterata nel tempo e nello spazio (quando e dove questi geni sono espressi nel contesto metabolico tissutale e cellulare). Questo processo è controllato epigeneticamente. Particolari modifiche chimiche, momentanee ed esterne dei geni li fanno esprimere quando e dove non dovevano esprimersi, generando profonde anomalie metaboliche. Lo stile di vita agisce quindi attraverso l’epigenetica. 

Tutto questo ci fa capire bene come prevenire è meglio che curare qualcosa di non facilmente curabile. Purtroppo, ignoranza, livello culturale (anche alto), povertà, indigenza, scarsa capacità critica, non conoscenza, incompetenza, cinismo imprenditoriale, ideologie, fidelizzazioni, etc.,  etc. sono tutti aspetti sociali che alterano indirettamente l’epigenetica umana, per cui solo un enorme sforzo psicologico personale può salvare il singolo individuo indirizzandolo correttamente in un mondo sociale che va al contrario.

saluti

Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.