Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Responsabilità medica, presentato al Senato Ddl Pittella. Una via di uscita alla medicina difensiva
Administrator
#1 Inviato : giovedì 13 febbraio 2020 9.38.01(UTC)
Rank: Administration
Messaggi: 7.107

RESPONSABILITÀ MEDICA, PRESENTATO AL SENATO DDL PITTELLA. UNA VIA DI USCITA ALLA MEDICINA DIFENSIVA


Eliminazione della distinzione tra le tre matrici della colpa generica; esplicitazione del limite della colpa lieve; ancoraggio alla scelta legislativa di valorizzare il rilievo delle linee guida 'di legge', di cui all'art. 5 l. Gelli-Bianco; riferimento a tutte le ipotesi di reato e non solo alle fattispecie di lesioni colpose e omicidio colposo. Questi tutti gli aspetti qualificanti della proposta di legge sulla responsabilità medica che ha come primo firmatario il senatore del Pd Gianni...

Per leggere l'intero articolo cliccare qui

DAVID MAZZANTINI
#2 Inviato : giovedì 13 febbraio 2020 10.01.26(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 744

A questa discussione è impossibile rispondere perché incomprensibile.

PIERO VANNUCCINI
#3 Inviato : giovedì 13 febbraio 2020 12.19.46(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 146

In realtà poco, ma qualcosa si capisce: per esempio che quanto elucubrato con tanto ottimismo non avrà alcun effetto sullla disincentivazione della medicina difenziva, ci vuole ben altro.

Carlo Maggio
#4 Inviato : giovedì 13 febbraio 2020 22.38.14(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 6

Questi provvedimenti non servono a nulla! Se vogliamo realmente incidere sulla medicina difensiva occorre che il numero di denunce cali bruscamente e drammaticamente (defervescenza per crisi!). Bastano due semplici norme: 1) rendere illegali gli accordi con gli avvocati che prendono la percentuale sul risarcimento; 2) risarcire i medici accusati ingiustamente di malpractice. Siccome stiamo parlando di fantascienza, estirpare la medicina difensiva con il DDL Pittella è come voler uccidere Alien con un temperino. Buona fortuna. 

 

MASSIMO SEVERINO
#5 Inviato : giovedì 13 febbraio 2020 23.20.30(UTC)
Rank: Newbie
Messaggi: 4

Carlo maggio è andato al cuore del problema offrendo una soluzione rapida ed efficace. Complimenti

DAVID MAZZANTINI
#6 Inviato : venerdì 14 febbraio 2020 8.50.03(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 744

Io l'ho già scritto tante volte: l'unico sistema per ridurre le denunce ai medici è

"l'istituto giuridico della rivalsa" che sarebbe un ottimo deterrente alle denunce troppo

facili del paziente inducendolo alla riflessione. Insomma se nel dibattimento il medico

viene dichiarato innocente il paziente dovrà pagare tutte le spese processuali

compreso l'avvocato del medico e soprattutto  tutte le spese per il danno all'immagine

professionale del medico e tutti gli introiti che  a causa  della denuncia il

sanitario ha eventualmente perduto. Penso che in questo caso le denunce  si

ridurrebbero sensibilmente e verrebbero fatte esclusivamente quando l'errore  del

medico fosse palese e facilmente dimostrabile.  

Raffaele Manca
#7 Inviato : venerdì 14 febbraio 2020 14.48.10(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 257

mi scusi dottor Mazzantini : ma quand'è che un errore del medico è così palese ? io per esperienza le dico che di fronte alla morte di un paziente per un semplice taglio di unghie , il medico non  avrebbe il coraggio di amettere ; io ho visto medici negare l'evidenza affidandosi alle scuse più assurde , tra cui quella "  il paziente fa finta di essere morto " .  Il vostro motto è negare , comunque e sempre a priori , e questo fa spesso inc........re la gente . Se queste sono le condizioni per cui si dovrebbe risolvere il serio problema , veda lei ....

DAVID MAZZANTINI
#8 Inviato : sabato 15 febbraio 2020 7.21.59(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 744

La morte di un paziente a priori non dimostra nulla, la gente muore spontaneamente anche in età giovanile senza che ci sia alcuna

responsabilità da parte del medico. Bisogna sempre dimostrare "il nesso causale tra l'azione o l'omissione  da parte del medico e la

morte del paziente che si stava curando.

I casi palesi di errore medico sono moltissimi: condizioni patologiche per cui non si è prescritta la terapia anticoagulante  che invece

andava somministrata, interventi chirurgici sull'arto sano invece che sull'arto malato da operare, lasciare corpi estranei in addome

dopo taluni interventi etcc. In ogni caso il paziente o i familiari del paziente devono riflettere moltissimo prima di denunciare il medico,

consultarsi col proprio avvocato o periti medici che esaminano la documentazione , perchè in caso di vittoria del medico al

processo si devranno  pagare tutti i danni e l'eventuale casa di proprietà potrà essere ad altro rischio!  Insomma paziente denuncia

pure il medico perché è un tuo diritto ma pensaci bene perché se  l'esito dibattimentale sarà negativo rischierai molti soldini.

INSOMMA IN QUESTA SITUAZIONE NON DEVE RISCHIARE SOLO IL MEDICO CIOE' LA SUA CARRIERA E LA SUA VITA MA

ANCHE IL PAZIENTE O I SUOI FAMILIARI!

PIERO VANNUCCINI
#9 Inviato : lunedì 17 febbraio 2020 12.58.43(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 146

Caro Collega Mazzantini, questo scenario non mi piace molto perché tende ad aumentare la conflittualità fra Medico e Paziente al pari di quanto sta avvenenedo con l'abuso dell'istituto della denuncia per malpractice. In altre parole fa apparire il Medici come una corporazione che si autodifende ingiustamente. Quello che io ho già espresso su questi forum è che , al contrario, si dovrebbero risolvere i problemi con beneficio di tutti, Medici e Pazienti (forse anche Avvocati). Medico in malafede, truffatore o cinico approfittatore = radiazione dall'Ordine e conseguenze penali severe. Medico in buona fede che commette un errore = capire cosa non ha funzionato nel processo di apprendimento e di pratica professionale ; formazione? Modalità per aggiornamento? Turni di lavoro usuranti? Le spese di risarcimento a carico di Stato e Regione (i quali hanno il dovere di vigilare sulla buona pratica dei Professionisti, per esempio tramite Esame di Stato), obbligo di aggiornamento del Medico sul tema del suo errore, valutazione della generale sinistrosità del Professionista (per scindere le cause umane da quelle formative). Così secondo me sparirebbe la Medicina difensiva. Gli Avvocati avrebbero un compito molto più elettivo e gratificante, cioè rappresentare l'interesse della popolazione alla Salute e non quello economico del singolo Paziente o Medico.

Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.