Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Cura del diabete: impatto dei fattori organizzativi sul medio e lungo termine
Administrator
#1 Inviato : mercoledì 27 febbraio 2013 08:25:58(UTC)
Rank: Administration
Messaggi: 8.040

CURA DEL DIABETE: IMPATTO DEI FATTORI ORGANIZZATIVI SUL MEDIO E LUNGO TERMINE


I fattori organizzativi nell’assistenza al paziente diabetico possono avere un impatto sulla prognosi a medio e lungo termine pari a quello di nuove terapie farmacologiche. Lo sostiene Carlo Bruno Giorda (foto), presidente dell’Associazione medici diabetologi (Amd), il quale - in una review su Nutrition, metabolism & cardiovascular diseases - identifica nella condivisione tra cure primarie e team specialistici la gestione ottimale della patologia. «L''integrazione dei percorsi diagnostico-terapeutici...

Per leggere l'intero articolo cliccare qui

ferdinando carotenuto
#2 Inviato : mercoledì 27 febbraio 2013 08:25:58(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 141
Bisogna mettere a fuoco meglio la fisopatologia del diabete tipo2 che è da ricercare in un'alterazione del sistema omeostatico glicemico e del sistema omeostatico del peso che portano sia all'instaurarsi dell'insulino resistenza sia alla riduzione del patrimonio betacellulare del pancreas sia alla ridotta produzione dell'incretina GLP1.una volta chiariti i meccanismi biochimici quelli fisiologici e fisiopatologici è possibile avere la guarigione come fanno i chirurghi bariatrici con particolare riguardo all'intervento di diversione bilio-pancreatica.continuare invece a credere che il diabete tipo2 è una patologia cronica di cui bisogna solo attenuarne le conseguenze nel tempo è assolutamente riduttivo,proprio perchè è possibile ridurre l'insulino resistenza da una parte e aumentare fisiologicamente la produzione endogena di GLP1,col risultato di aumentare la popolazione betacellulare assieme al fatto che si riesce attraverso il blocco delle cellule alfa produttrici di glucagone di dare un effetto insulinosensibilizzante all'insulina prodotta per il noto effetto controinsulare di tale ormone.tutto questo su www.diabeteeipertensione.it,dove vengono chiariti i meccanismi alla base della fisiopatologia del diabete tipo2 e anche i disturbi dell'omeostasi glicemica e del peso
Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.


chiudi