Ricerca   |    Topic attivi   |    Accedi all'area riservata

Logo Medikey
icona
Per accedere è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali





Vaccini Covid-19, com’è e quanto dura la protezione contro omicron
Administrator
#1 Inviato : lunedì 27 giugno 2022 13:27:35(UTC)
Rank: Administration
Messaggi: 8.638

VACCINI COVID-19, COM’È E QUANTO DURA LA PROTEZIONE CONTRO OMICRON


Secondo uno studio condotto in Qatar, l'efficacia contro la variante omicron di SARS-CoV-2 (BA.1 e BA.2) dei vaccini a mRNA, quella ottenuta mediante una precedente infezione e quella data da un'immunità ibrida (vaccino più infezione), non sono diverse tra loro. La protezione ottenuta con la vaccinazione è buona, ma temporanea, diversamente da quella conferita dall'infezione. «La protezione contro la reinfezione derivante da una precedente infezione con varianti diverse da omicron...

Per leggere l'intero articolo cliccare qui

giovanni colonna
#2 Inviato : lunedì 27 giugno 2022 13:34:04(UTC)
Rank: Advanced Member
Messaggi: 686

Secondo uno studio … bla, bla, bla …, secondo un altro studio … bla, bla, bla.

Tra le migliaia e migliaia di studi diversi si pensa di trovare, con un po’ di fortuna “osservazionale”, la soluzione farmacologica per arrestare la progressione virale. La partita che si sta giocando è, però, molto, ma molto, più profonda di quello che si possa immaginare. Molte volte ho commentato che la medicina delle evidenze non è adeguata allo studio di SARS-CoV-2, un coronavirus noto da circa 2 anni e di cui non sappiamo granché, come degli altri coronavirus, ma che ci sta insegnando a fare medicina molecolare.

Anche se sono in sviluppo numerosi trattamenti e vaccini, i meccanismi molecolari dettagliati alla base della patogenesi di questa malattia sono ben lontani dall’essere chiariti. Spero che su questo siamo tutti d’accordo.

Nei coronavirus sono stati scoperti dei miRNA (microRNA, PNAS 2021) che fino ad oggi si pensava fossero patrimonio di animali, piante e virus a DNA. Invece, SARS-CoV-2 esprime un piccolo miRNA virale non codificante (CoV2-miR-07), isolato sperimentalmente, che può regolare le trascrizioni dell'ospite umano, probabilmente tramite idrolisi del mRNA umano bersaglio, silenziando il/i gene/i corrispondente/i. Agisce nell’ambito del complesso delle proteine Argonaute bloccando selettivamente l’azione dei fattori di trascrizione che portano le caratteristiche sequenze di leucina dette a cerniera (zip proteins) e devolute all’attivazione degli interferoni e dei conseguenti meccanismi di difesa immunitaria, che vengono così silenziati (bloccati). Analisi della sequenza genomica del virus hanno recentemente rivelato (2022) la potenziale produzione di numerosi miRNA con azione selettiva su molte vie di segnalazione metaboliche umane. Recentemente, è stato dimostrato che sia i miRNA codificati per l'ospite umano, che quelli virali, sono cruciali per il successo dell'infezione da SARS-CoV-2.

Ad esempio, la disregolazione dei miRNA umani che modulano più geni espressi in pazienti COVID-19 con comorbidità (p. es., diabete di tipo 2, adenocarcinoma polmonare o disturbi cerebrovascolari) sembra influenzare pesantemente la gravità della malattia. Pertanto, livelli di espressione alterati dei miRNA circolanti potrebbero essere utili per diagnosticare questa malattia e prevedere se un paziente COVID-19 potrebbe sviluppare uno stato grave della malattia.

Ma l’aspetto più importante è che numerosi miRNA umani sembrano inibire l'espressione di proteine, come ACE2, TMPRSS2, spike e Nsp12, coinvolte nel ciclo di vita di SARS-CoV-2. Di conseguenza, i miRNA rappresentano non solo dei potenziali biomarcatori ma anche degli efficaci mezzi/bersagli terapeutici per questa devastante malattia virale. Quindi, la loro conoscenza funzionale è cruciale per comprendere la covid.

Spero vi rendiate conto come le logiche e la strategia della guerra metabolica tra il coronavirus e il suo ospite umano siano lontanissime dai canoni superficiali della medicina delle evidenze. I miRNA operano a monte, eludendo, citochine, chemochine e quant’altro di metabolico ad oggi noto, né i geni o loro mutazioni sono coinvolti. Se non si adeguano le conoscenze mediche e la formazione (che risale ancora a 50 – 60 anni fa), con quello che è venuto fuori nell’ultimo ventennio, e con quello che i coronavirus oggi cercano di spiegarci, non si va da nessuna parte. I medici, ma soprattutto i più giovani, devono essere messi in condizione di capire ed utilizzare in clinica l’ampio mondo delle biomolecole “omiche”.

Un saluto

Vincenzo Antonio Caldarola
#3 Inviato : martedì 28 giugno 2022 05:41:02(UTC)
Rank: Member
Messaggi: 26

Ottime osservazioni che condivido.

O si cambia approccio o fioccheranno studi osservazionali come durante una intensa nevicata .

Con il risultato di continuare con confronti dialettici quasi sempre molto poco dignitosi.

Saluti

Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.


chiudi