Focus

nov92022

Sanguinamento da aspirina a lungo termine, ecco come ridurlo. Il documento su Lancet

Il rischio di sanguinamento delle ulcere nello stomaco causato dall'uso di aspirina a lungo termine può essere ridotto con un breve ciclo di antibiotici, secondo un documento pubblicato su Lancet, nel quale vengono riferiti i risultati dello studio HEAT (Helicobacter pylori Eradication Aspirin).
«L'aspirina ha molti vantaggi in termini di riduzione del rischio di infarto e ictus nelle persone più predisposte a questi problemi. Inoltre, ci sono prove che l'aspirina sia in grado di rallentare alcuni tipi di cancro. Siamo lieti che i nostri risultati abbiano dimostrato che il sanguinamento dell'ulcera può essere significativamente ridotto dopo un ciclo di una settimana di antibiotici. Le implicazioni a lungo termine di questa scoperta sono incoraggianti in termini di prescrizione sicura» afferma Chris Hawkey, della School of Medicine dell'Università di Nottingham, e del Nottingham Digestive Diseases Center, che ha diretto il gruppo di lavoro.

L'aspirina, utilizzata a basse dosi, è un farmaco preventivo molto utile nelle persone ad alto rischio di problemi cardiovascolari. Tuttavia, in rare occasioni, può provocare emorragie, facendo sanguinare le ulcere presenti nello stomaco, che a loro volta possono essere causate da Helicobacter pylori. I ricercatori hanno cercato di capire se un breve ciclo di antibiotici in grado di rimuovere questi batteri potesse ridurre il rischio di sanguinamento nei consumatori di aspirina. A questo scopo hanno portato avanti uno studio molto ampio, condotto in 1.208 studi di medici generici del Regno Unito, quindi nella vita reale, che utilizzava i dati clinici archiviati di routine nei registri dei medici di famiglia e degli ospedali. Su 188.875 pazienti che stavano assumendo aspirina, 30.166 si sono offerti volontari e hanno preso parte allo studio.
I soggetti risultati positivi per H. pylori sono stati randomizzati a ricevere antibiotici o placebo, e sono stati seguiti per un massimo di sette anni. Nei primi due anni e mezzo di studio, chi aveva ricevuto un trattamento antibiotico ha avuto meno probabilità di essere ricoverato in ospedale a causa del sanguinamento dell'ulcera rispetto a chi aveva assunto placebo (6 pazienti rispetto a 17).

Gli esperti hanno osservato anche che la protezione data dagli antibiotici ha iniziato a funzionare rapidamente, infatti, i partecipanti che avevano ricevuto il placebo hanno avuto il primo ricovero per sanguinamento da ulcera dopo soli sei giorni dal trattamento, rispetto quelli che hanno ricevuto l'antibiotico, per cui il primo ricovero è avvenuto dopo 525 giorni.
In un periodo di tempo più lungo, la protezione data dagli antibiotici sembrava scomparire; tuttavia, il tasso complessivo di ospedalizzazione per emorragia da ulcera è stato inferiore a quanto previsto nel gruppo di trattamento. I rischi per le persone che già assumevano l'aspirina sono stati in generale più bassi rispetto a quelle che iniziavano ad assumere il farmaco per la prima volta quando si sono sottoposti alla ricerca di H. pylori.
I risultati della sperimentazione saranno presentati al meeting scientifico della United European Gastroenterology a Vienna.

Lancet 2022. Doi: 10.1016/S0140-6736(22)01843-8
https://doi.org/10.1016/S0140-6736(22)01843-8
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi