Fenomeni chimici e farmacologici

giu82011

H. pylori: la resistenza varia con la sede dell'infezione

La mancata eradicazione di Helicobacter pylori può essere dovuta alla resistenza agli antibiotici e alla presenza di un'infezione mista. Per approfondire la questione uno studio italiano, condotto da Leonardo Marzio , unità di Fisiopatologia digestiva...
transparent

mag132011

Antibioticoresistenza: ricerca al palo. L’industria si appella alle istituzioni

La sfida all’antibiotico resistenza è al palo. Mentre da una parte il fenomeno è in continua crescita, dall’altra non si registrano sufficienti investimenti in ricerca e sviluppo ed emergono con sempre maggiore evidenza la necessità di molecole innovative...
transparent

mag32011

Mortalità da oppioidi legata a entità della dose quotidiana

Tra i pazienti che ricevono oppioidi per il trattamento del dolore non oncologico, la dose quotidiana è fortemente associata alla mortalità correlata agli oppioidi, in particolare quando le dosi eccedono i limiti raccomandati dalle recenti linee guida....
transparent

mar312011

Giustificata la decontaminazione selettiva nelle unità intensive

Nelle unità di cure intensive con bassi livelli di resistenza agli antibiotici è giustificato il ricorso alla decontaminazione selettiva del tratto digestivo (Sdd) e alla decontaminazione selettiva orofaringea (Sod). Lo rivela uno studio in aperto condotto...
transparent

mar222011

L’aumento posologico del clopidogrel è efficace nei pazienti “resistenti”

Un recentissimo studio ha affrontato lo spinoso problema della “resistenza” al clopidogrel e di come poterla superare. 192 pazienti sottoposti a PCI - sulla base dei risultati del Test P2Y12 VerifyNow, che può evidenziare una ridotta efficacia antiaggregante...
transparent

mar92011

Diuretici nello scompenso cardiaco acuto: una questione di DOSE

I diuretici dell’ansa sono una componente essenziale della terapia dello scompenso cardiaco (SC) acuto; tuttavia vi sono in letteratura scarsi dati prospettici utili per il loro uso - che pure riguarda il 90% dei pazienti ricoverati in ospedale con questa patologia – e le linee guida esistenti al riguardo si riconducono essenzialmente a opinioni di esperti. Dosi elevate di diuretici sono associate a effetti collaterali dannosi (attivazione del SRA e del sistema simpatico, alterazioni dell’equilibrio elettrolitico, peggioramento della funzione renale) e ad un peggioramento dell’outcome clinico (forse anche per le più gravi condizioni dei pazienti che richiedono alte dosi di questi farmaci). Incertezze sussistono sulle dosi da somministrare e sulle modalità di somministrazione.
transparent

mar92011

Il fallimento dell'aspirina identifica il paziente ad alto rischio

Il fallimento dell’aspirina, definito dal presentarsi di una sindrome coronarica acuta nonostante l’uso della stessa, è stato associato ad un maggior rischio cardiovascolare e ad una peggiore prognosi. Se questo fenomeno sia la manifestazione delle caratteristiche...
transparent

mar92011

Quadruplice regime per eradicare l’Helicobacter pylori

L’eradicazione di Helicobacter pylori è sempre più problematica a causa della sua resistenza alle terapie antibiotiche classiche. Sono quindi necessarie nuove opzioni di trattamento che forniscano risultati più incisivi. Si propone ora una terapia quadrupla...
transparent

gen302011

Steroidi inalatori: dosi medie meglio che basse

Nei bambini con asma persistente di grado leggero o moderato, dosi moderate di corticosteroidi inalatori non sembrano fornire un rilevante vantaggio terapeutico rispetto all'impiego di basse dosi. In questi casi, tuttavia, il rapporto dose-risposta del...
transparent

nov52010

Prescrizione di antibiotici sul territorio e induzione di resistenza

Dall’inizio degli anni ’80 a oggi il drastico rallentamento nello sviluppo di nuovi antibiotici da parte delle industrie farmaceutiche e il crescente riscontro di germi multiresistenti destano serissime preoccupazioni, nel mondo scientifico,...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi