Etanolamine

dic152014

Arresto cardiaco extra-ospedaliero: l’adrenalina nella rianimazione può essere dannosa

Meno possibilità di sopravvivere nei pazienti andati in arresto cardiaco fuori dall’ospedale e ritornati alla circolazione spontanea se prima dell’arrivo in ospedale viene utilizzata l’adrenalina. Il tutto nonostante gli interventi post-rianimazione e...
transparent
Arresto cardiaco extraospedaliero: cautela nell’uso di adrenalina

dic102014

Arresto cardiaco extraospedaliero: cautela nell’uso di adrenalina

Nei pazienti andati in arresto cardiaco fuori dall’ospedale che hanno raggiunto il ritorno della circolazione spontanea (Rosc), l'uso preospedaliero di adrenalina si associa a minori possibilità di sopravvivenza, con un significativo effetto dose-risposta...
transparent

dic92014

In caso di anafilassi l’adrenalina salva la vita

Anche se non tutti lo sanno, è l’adrenalina la corretta terapia da somministrare subito a chi viene colpito da una grave reazione allergica al cibo, al lattice o anche dopo una puntura di insetto. È questa la chiara indicazione che emerge dalle linee...
transparent

feb122013

Ascite refrattaria o ricorrente: nuove speranze dalla midodrina?

Gli effetti favorevoli della midodrina (MD) - vasocostrittore agonista alfa-adrenergico - sull’emodinamica e sulla funzione renale nella cirrosi epatica (CE) con ascite sono stati segnalati per la prima volta nel 1998 da Angeli . Pertanto la MD viene...
transparent

ott172011

Smentite tachicardie/tachiaritmie da broncodilatatori spray

Nei pazienti critici in terapia intensiva, l'uso di broncodilatatori nebulizzati, quali albuterolo e ipratropio, non determina la comparsa di tachicardie o tachiaritmie significative. Pertanto la tesi per cui sarebbe opportuno sostituire l'albuterolo...
transparent

apr212011

Adrenalina da preferire nei bimbi colpiti da bronchiolite acuta

L'adrenalina si dimostra più efficace di altri trattamenti sugli outcome di maggiore rilevanza clinica nei pazienti con bronchiolite acuta curati al di fuori dell'ospedale. Un singolo studio clinico, inoltre, testimonia a favore della combinazione di...
transparent

feb52008

Sintomi urologici nella malattie neurodegenerative

Neurologia-malattie degenerative I sintomi a carico del tratto urinario inferiore differiscono fra i pazienti con demenza con corpi di Lewy (DLB), morbo di Parkinson e morbo di Alzheimer. Si può pensare all’iperattività del muscolo detrusore...
transparent

ott292007

Deficit metabolico alla base dell’Alzheimer?

Neurologia-demenze Un deficit di un metabolita di importanza critica nell’uomo, il plasmalogeno di etanolamina, è associato al morbo di Alzheimer in termini di patologia e di gravità della demenza: questo deficit potrebbe essere la causa...
transparent

set202007

Densità assonale colinergica e danno cognitivo

Neurologia-demenze La densità assonale colinergica della corteccia frontale superiore non appare associata alla presenza di lievi danni cognitivi (MCI), anche questo è il caso nel morbo di Alzheimer precoce. La mancanza di attività della...
transparent

mar52007

Diabete tipo 1: ipoglicemia notturna non causa il risveglio

Medicina interna I pazienti con diabete di tipo 1 spesso continuano a dormire durante gli episodi notturni di ipoglicemia, il che incrementa il rischio di ipoglicemia prolungata. La mancanza di risveglio è affiancata dall’assenza di una netta...
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi