Dolore toracico

nov32021

Dolore toracico al pronto soccorso, servono valutazioni standardizzate per comprendere chi è a rischio

Il disagio toracico associato a un attacco di cuore o a un evento cardiaco può spesso essere avvertito in altre zone oltre che al torace, come le spalle, le braccia, la mascella, il collo, la schiena e la parte superiore dell'addome, e questo...
transparent
Con dolore toracico il medico di guardia medica non può limitarsi a consigliare una indagine

ott52021

Con dolore toracico il medico di guardia medica non può limitarsi a consigliare una indagine

Un sanitario dovrebbe sempre prendere in considerazione l'ipotesi che un dolore toracico sottenda un problema cardio - vascolare e quindi procedere ad un approfondimento diagnostico presso qualsiasi struttura sanitaria in grado di effettuare esami di...
transparent

mag252015

Dopo valutazione negativa in Ps, no a ricovero per toracalgia

I pazienti con dolore toracico ricoverati in ospedale dopo una valutazione in pronto soccorso (Ps) che ha dato risultati negativi, raramente sviluppano eventi cardiaci rilevanti, il che suggerisce che il ricovero di routine non è indicato in questo...
transparent
Dolore toracico: nei pazienti a basso rischio evitare test non invasivi in Ps

gen282015

Dolore toracico: nei pazienti a basso rischio evitare test non invasivi in Ps

I pazienti visitati in pronto soccorso per dolore toracico senza evidenza di attacchi cardiaci sembrano essere a basso rischio di episodi acuti di ischemia miocardica a breve o lungo termine, secondo uno studio appena pubblicato su Jama internal medicine....
transparent
Dolori al petto, dispnea e palpitazioni non sempre indici di cardiopatia

nov62014

Dolori al petto, dispnea e palpitazioni non sempre indici di cardiopatia

Quasi tre quarti dei pazienti studiati per malattia coronarica e giudicati sani hanno ancora dolori toracici 18 mesi più tardi, secondo uno studio pubblicato sulla rivista online Open Heart. «Alcune ricerche documentano la presenza di un legame tra assenza...
transparent

apr32013

Dolore toracico, da monitorare dopo il pronto soccorso

Vedere un cardiologo entro un mese da una visita in pronto soccorso (Ps) per dolore toracico abbassa le probabilità di infarto o di morte nell’anno successivo, almeno secondo le conclusioni di un articolo appena pubblicato su Circulation
transparent

set212012

Dolore toracico, in un’ora algoritmo effettua diagnosi

Nel 77% dei pazienti che si presentano in un reparto di emergenza con dolore toracico acuto si può effettuare una sicura esclusione o a un'accurata diagnosi di infarto acuto del miocardio (Ima) entro 1 ora dalla presentazione mediante un semplice algoritmo...
transparent

mag112012

Dolore toracico: probabilità pretest contro stress test inutili

La maggior parte dei pazienti ricoverati per dolore toracico a basso rischio è sottoposta a prova da sforzo indipendentemente dalla probabilità pretest, ma i risultati dello stress test raramente sono anormali. Effettuare lo stress test basandosi sulla...
transparent

mag82012

AngioTC coronarica: alto potere predittivo negativo per escludere una SCA (nei pazienti con dolore toracico a basso rischio di SCA)

In una organizzazione sanitaria ideale, dovrebbe essere valutata con attenzione la proposta che deriva dalle conclusioni di un recentissimo lavoro circa l’ alto potere predittivo negativo per la rilevazione di patologia coronarica che un’angioTC coronarica...
transparent

gen112012

Crollano i miti: una pressione sistolica più elevata comporta una prognosi migliore nel dolore toracico acuto

Negli USA circa 6 milioni di persone all’anno si presentano in un DEA per dolore toracico acuto; pertanto identificare i fattori di rischio diventa molto importante: tra questi l’ipertensione è uno dei principali, e tutti gli sforzi sono orientati a tenerla...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi