Disabili mentali

Il rischio cardiovascolare è spesso sottostimato in persone con malattie mentali gravi

set192019

Il rischio cardiovascolare è spesso sottostimato in persone con malattie mentali gravi

Gli attuali algoritmi di previsione del rischio per le malattie cardiovascolari potrebbero sottovalutare fino al 60% il rischio di malattia per le persone con patologie mentali, secondo uno studio pubblicato su Plos One. «Una grave malattia mentale è...
transparent
Più ricoveri e malattie mentali per i pazienti con diabete di tipo 2 prima dei 40 anni

gen222019

Più ricoveri e malattie mentali per i pazienti con diabete di tipo 2 prima dei 40 anni

I pazienti con diabete di tipo 2 a insorgenza giovanile, con esordio prima dei 40 anni di età, sono soggetti a più frequenti ricoveri e a un notevole onere di malattia mentale, secondo i dati pubblicati su Annals of Internal Medicine. «Il...
transparent

set92014

t-PA ai primi sintomi abbatte rischio disabilità post ictus

Il trattamento trombolitico va somministrato al più presto, subito dopo i primi sintomi dell’ictus, secondo una meta-analisi appena pubblicata su The Lancet. Lo studio, che ha coinvolto quasi 7.000 pazienti con ictus trattati con Alteplase, un attivatore...
transparent

gen292014

I nuovi criteri diagnostici abbassano le stime dell’autismo

In uno studio apparso su Jama Psychiatry, un gruppo di ricercatori suggerisce che i nuovi criteri diagnostici del Dsm-5 per le sindromi dello spettro autistico (Asd), porterebbero all’esclusione di molti bambini dall'accesso ai servizi di cui potrebbero...
transparent
Malattie mentali, solo un paziente su tre si cura

dic42013

Malattie mentali, solo un paziente su tre si cura

Le malattie che colpiscono il cervello sono caratterizzate da un impatto economico enorme, 798miliardi di euro in Europa, e da un paradosso: dei circa 164 milioni gli cittadini europei colpiti (il 38,2% della popolazione), soltanto uno su tre riceve la...
transparent

ott92007

Il lavoro aiuta i malati mentali

Psichiatria-sindromi situazionali Un programma di impiego assistito risulta più efficace del training vocazionale nei pazienti con gravi malattie mentali: questo approccio porta all’ottenimento di un impiego competitivo senza recidive mentali...
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>