Diritto Sanitario

giu132018

Risarcimento danni per illegittimità della graduatoria unica regionale di medicina generale

Secondo il costante orientamento della giurisprudenza in sede di giudizio per il risarcimento del danno derivante da provvedimento e (o) comportamento illegittimo, il privato danneggiato può limitarsi ad invocare la illegittimità della condotta tenuta dall'Amministrazione, quale indice presuntivo della colpa, restando a carico della P.A. l'onere di dimostrare che si è trattato di errore scusabile.

Orbene, appare di tutta evidenza come, nella vicenda qui in rilievo, il quadro normativo fosse sufficientemente chiaro, non sussistessero contrasti giurisprudenziali, di cui comunque non si è offerta evidenza, né complesse circostanze di fatto, la cui presenza potrebbe sostanziare l'errore scusabile da parte dell'Amministrazione. Ed, infatti, il grave errore compiuto dalla PA è fatto palese dal fatto che si trattava "soltanto di rilevare una corrispondenza già presente nella tabella B in questione", dunque un'attività meramente ricognitiva di un dato testuale.

(Avv. Ennio grassini - www.dirittosanitario.net )
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community