Dieta

mar272013

La dieta mediterranea tutela il cuore nei pazienti a rischio

L’olio extravergine di oliva o la frutta secca aggiunti alla dieta mediterranea abbassano la frequenza di eventi cardiovascolari nei pazienti a rischio elevato, almeno secondo le conclusioni di uno studio multicentrico pubblicato sul New England journal...
transparent

feb262013

Dieta mediterranea protegge il cuore a rischio

La dieta mediterranea, arricchita di olio extravergine di oliva o frutta secca, riduce la frequenza di eventi cardiovascolari nei pazienti ad alto rischio
transparent

dic172012

Dieta mediterranea, meno seguita dai meno abbienti

Un reddito più elevato e un livello di scolarità superiore sono associati in modo indipendente a una maggiore adesione agli schemi della dieta mediterranea e a una minore prevalenza di obesità. Lo rivela uno studio condotto in Molise dalla Fondazione...
transparent

nov212012

Il digiuno influisce poco sui livelli ematici di lipidi

Due studiosi canadesi mostrano che l’associazione tra la durata del digiuno e i livelli di alcuni lipidi è molto debole, a differenza di quanto si ritiene comunemente. L’analisi è avvenuta sui dati sui dati registrati in sei mesi, nel corso del 2011,...
transparent

feb102012

Capacità cognitive, invecchiamento e regime alimentare

Alcune vitamine del gruppo B e le vitamine C, D ed E, così come gli acidi grassi omega-3, quando presenti in alti livelli nel sangue delle persone anziane, sono associate a una migliore resa cognitiva e a rilevanti cambiamenti cerebrali
transparent

gen182012

Effetto della quota proteica nella sovra-alimentazione

L’eccesso calorico determina un incremento di peso a carico della massa grassa, però le proteine influenzano il metabolismo aumentando anche la massa magra e il dispendio energetico. Lo confermano i risultati, pubblicati su Jama, di uno studio effettuato in Louisiana
transparent

set262011

Dieta vegetariana a rischio carenze nutrizionale

Da una review, disegnata per caratterizzare rischi e benedici della dieta vegetariana, è emerso che, se tra i vantaggi rientra l’associazione a una mortalità inferiore per cardiopatia ischemica, a una minore prevalenza di obesità e, per quanto riguarda...
transparent

mar152011

Digiuno modifica il profilo lipidico

Questa indagine svedese su ragazze con disturbi del comportamento alimentare mostra che, malgrado la riduzione dell’apporto alimentare di lipidi e la mobilizzazione di grassi dal tessuto adiposo, il rapporto omega 3/omega 6 si mantiene. Tale conclusione...
transparent

ott82010

Glicemia a digiuno e due ore predice rischi Cvd

Negli individui con valori glicemici plasmatici sia a digiuno (Fpg) sia a due ore dal carico compresi nel range di normalità, un alto livello di glicemia a due ore è associato a insulinoresistenza e ad aumentata mortalità cardiovascolare....
transparent

mar192010

NutriMI, al via l’edizione 2010

Dieta mediterranea e salute cardiovascolare, ruolo dei probiotici, importanza dell’alimentazione nella prevenzione dell’obesità e delle malattie della sfera femminile, rischi delle diete ipocaloriche non convenzionali. è soltanto...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>