Diabetologia

set172018

Nei pazienti con diabete mellito tipo 2 e normoalbuminuria la retinopatia diabetica predice la mortalità

La retinopatia diabetica (RD) è un predittore indipendente di mortalità cardiovascolare e per tutte le cause nei pazienti con diabete di tipo 2 (DM2) con normoalbuminuria. Ecco le conclusioni di uno studio pubblicato su BMJ Open e coordinato da I-Te Lee, della Divisione di Endocrinologia e Metabolismo, Dipartimento di Medicina Interna, Taichung Veterans General Hospital di Taichung, Taiwan. «Il livello di albumina urinaria è un importante biomarcatore di malattia renale cronica (CKD) ed è predittivo di mortalità sia per tutte le cause sia cardiovascolare. Tuttavia, con i recenti progressi nella gestione delle complicanze diabetiche è emerso un progressivo aumento di casi di malattia renale cronica normoalbuminurica (NA-CKD)» scrivono i ricercatori, che hanno pensato di valutare il rischio di mortalità tra i pazienti diabetici di tipo 2 normoalbuminurici, ipotizzando che la RD fosse predittiva di mortalità a lungo termine sia nei pazienti con DM2 e NA-CKD sia in quelli senza NA-CKD. Allo scopo, 665 pazienti con DM2 ricoverati in ospedale a causa di uno scarso controllo glicemico sono stati selezionati e seguiti in media per 6,7 anni, escludendo chi aveva un'escrezione di proteine urinarie >150 mg/die o di albumina urinaria >30 mg/die.

«La mortalità per tutte le cause, ottenuta dal registro nazionale di Taiwan, è servita come outcome principale durante il follow-up» spiegano gli autori, precisando che i pazienti con CKD e retinopatia hanno mostrato il più alto tasso di decessi, e che il rischio di mortalità per tutte le cause e mortalità cardiovascolare era significativamente maggiore nei soggetti con CKD e retinopatia rispetto a quelli senza CKD o retinopatia, anche dopo aggiustamento per i fattori di rischio associati. «I nostri risultati mostrano che la retinopatia diabetica è un fattore predittivo significativo di mortalità cardiovascolare e per tutte le cause nei pazienti con DM2 e normoalbuminuria» osserva Lee. E conclude: «Lo screening per retinopatia diabetica può aiutare a identificare le persone ad alto rischio di mortalità tra i pazienti con DM2 ricoverati a causa di un cattivo controllo glicemico, anche in quelli con normoalbuminuria».

BMJ Open 2018. doi:10.1136/bmjopen-2018-021655
https://bmjopen.bmj.com/content/8/7/e021655


Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community