Diabetologia

mag12018

Il rischio di diabete autoimmune latente aumenta con l'eccesso di peso e una storia familiare

La presenza di sovrappeso/obesità si associa a un aumentato rischio di diabete autoimmune latente negli adulti (LADA), specie in quelli con storia familiare di diabete. Questi risultati supportano l'ipotesi che, oltre alla componente autoimmune, i fattori legati alla resistenza all'insulina come il peso eccessivo, potrebbero favorire l'insorgenza del diabete. Ecco, in sintesi, le conclusioni pubblicate su Diabetologia di uno studio coordinato dall'epidemiologa Sofia Carlsson dell'Istituto di medicina ambientale al Karolinska Institutet di Stoccolma. «Sovrappeso e obesità sono i principali fattori di rischio per il diabete di tipo 2, e l'associazione tra peso eccessivo e resistenza all'insulina è ben nota» esordisce la ricercatrice, ricordando che, indipendentemente dalla patogenesi, secondo molti studi l'obesità accelera l'insorgenza della malattia e che la resistenza insulinica è comune a tutti i tipi di diabete.

«Il nostro scopo era descrivere l'associazione tra sovrappeso, obesità e LADA rispetto al diabete di tipo 2, tenendo conto della componente autoimmune e della potenziale interazione con la storia familiare» spiegano gli autori. L'analisi dei dati si basa su due studi: il primo è uno studio svedese caso-controllo ancora in corso, l'Epidemiological Study of Risk Factors for LADA and Type 2 Diabetes (ESTRID), con 425 casi incidenti di LADA, 1.420 di diabete di tipo 2 e 1.704 soggetti di controllo; l'altro è lo studio prospettico norvegese Nord-Trøndelag Health (HUNT), con 147 casi incidenti di LADA e 1.012.957 anni-persona di follow-up, condotto fra il 1984 e il 2008. «Secondo i dati svedesi l'obesità si associa a un aumentato rischio di LADA, che diventa ancora più marcato per il diabete di tipo 2, mentre dai dati norvegesi emerge una correlazione ancora più significativa» scrivono i ricercatori, spiegando che l'associazione è più evidente nei casi di LADA con basso titolo di anticorpi anti-decarbossilasi dell'acido glutammico (GADA), ma presente anche nei soggetti con GADA elevati. «Tra i risultati colpisce il fatto che la compresenza di sovrappeso e storia familiare di diabete aumenta di oltre 4 volte il rischio di LADA e di oltre 24 volte quello di diabete di tipo 2» riprende Carlsson. E conclude: «Insieme ai risultati precedenti, questo studio supporta l'idea che il LADA sia una forma ibrida di diabete causata da geni associati a fattori autoimmuni e stili di vita che inducono insulino-resistenza».

Diabetologia. 2018. doi: 10.1007/s00125-018-4596-0
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29589073
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community