Diabetologia

set172018

Dalle cure pediatriche a quelle dell'adulto: il problema della transizione nelle persone col diabete

Secondo uno studio pubblicato su Diabetic Medicine, nella provincia canadese dell'Ontario, dove i servizi medici e ospedalieri sono generalmente soddisfacenti, una grande percentuale di giovani con diabete riceve cure insufficienti durante l'età di transizione dalle cure pediatriche a quelle per adulti, e questo fatto è associato a un più alto rischio di importanti esiti avversi nella prima età adulta. «Abbiamo voluto descrivere i modelli di cure primarie e specialistiche per il diabete durante l'età di transizione, quindi da 17 a 19 anni, fino alla prima età adulta (26 anni) e valutare l'associazione tra i modelli di cure primarie e specialistiche per il diabete durante l'età di transizione con il rischio di eventi avversi nella prima età adulta» spiega Rayzel Shulman, della University of Toronto, autrice principale del lavoro.

I ricercatori hanno valutato una popolazione di 2.525 individui in Ontario, a cui era stato diagnosticato il diabete prima dei 15 anni di età e che avevano compiuto 17 anni tra novembre 2006 e marzo 2011, seguendola fino a marzo 2015 per valutare i contatti con la sanità nel periodo precedente la transizione, nel periodo della transizione e nella prima età adulta. Durante lo studio si sono verificati sei decessi e 446 individui (17,7%) hanno avuto almeno un ricovero per chetoacidosi durante la prima età adulta. In totale, 1.188 individui (47,0%) hanno avuto un intervallo maggiore di 12 mesi nella cura del diabete e 241 (9,5%) non si sono sottoposti a visite di cura primaria durante l'età di transizione, e queste carenze di cura sono risultate associate a un aumentato rischio di chetoacidosi o morte. «Nel contesto di un sistema sanitario universale in Ontario, senza barriere finanziarie alle cure, scopriamo che i giovani adulti cambiano spesso medici per le cure primarie e specialistiche per il diabete, ricevono una cura inadeguata per la malattia nella prima età adulta, e hanno alti tassi di complicanze acute del diabete. La mancanza di cure primarie durante l'età di transizione può essere un marcatore di esiti peggiori in età adulta» scrivono gli autori. I ricercatori concludono sottolineando la necessità di trovare una strategia ottimale di integrazione per l'assistenza primaria nei processi di transizione della cura.

Diabet Med. 2018. doi: 10.1111/dme.13782
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30022524

Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community