Demenza

L’Alzheimer è più fatale di quanto si pensi

mar112014

L’Alzheimer è più fatale di quanto si pensi

Uno studio pubblicato su Neurology suggerisce che la malattia di Alzheimer può causare molte morti, proprio come il cancro o le malattie di cuore. Attualmente, la patologia è sesta nella lista delle principali cause di morte negli Stati Uniti, secondo...
transparent
Variante Creutzfeldt-Jakob: pronto un test di screening

mar62014

Variante Creutzfeldt-Jakob: pronto un test di screening

Data l’alta sensibilità e l’elevatissima specificità, il test per la variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD) può essere usato nello screening dell’infezione nelle popolazioni esposte. Inoltre, la mancanza di reattività crociata e di falsi...
transparent

feb262014

La genetica può spiegare l’Alzheimer

I segni cerebrali della malattia di Alzheimer possono comparire anche decenni prima della comparsa dei sintomi in chi ha due genitori con la patologia, ma non soffre di demenza. Sono queste le conclusioni di uno studio pubblicato su Neurology, la rivista...
transparent
Citalopram: alternativa ad antipsicotici per agitazione da Alzheimer

feb202014

Citalopram: alternativa ad antipsicotici per agitazione da Alzheimer

Tra i pazienti agitati con Alzheimer che richiedono interventi psicosociali, la somministrazione di citalopram riduce i sintomi rispetto al placebo, anche se gli effetti avversi cognitivi e cardiaci del farmaco ne limitano il dosaggio a non più di 30...
transparent
Alzheimer, esistono che predispongono all’ereditarietà

feb182014

Alzheimer, esistono che predispongono all’ereditarietà

Chi non soffre di demenza, ma ha due genitori con malattia di Alzheimer può mostrare segni cerebrali della malattia anche decenni prima della comparsa dei sintomi, secondo un nuovo studio pubblicato su Neurology, la rivista ufficiale dell'American l'American...
transparent
Malattia di Huntington: le promesse della creatina

feb122014

Malattia di Huntington: le promesse della creatina

La supplementazione con creatina nella malattia di Huntington è sicura e ben tollerata nella maggior parte dei pazienti. A rivelarlo sulla rivista Neurology è Precrest, la prima sperimentazione clinica di un farmaco destinato a ritardare la comparsa dei...
transparent
I pesticidi aumentano il rischio di Alzheimer

gen292014

I pesticidi aumentano il rischio di Alzheimer

Elevati livelli nel sangue di un derivato del pesticida Ddt - il cui uso in agricoltura è stato vietato negli Stati Uniti dal 1972 (è consentito solo in caso di emergenze sanitarie legate a infezioni trasmesse da insetti) ma che è ancora prodotto per...
transparent
Monoclonali nell’Alzheimer: risultati deludenti, ma gli studi continuano

gen282014

Monoclonali nell’Alzheimer: risultati deludenti, ma gli studi continuano

Due anticorpi monoclonali che dovrebbero ridurre la deposizione di beta-amiloide nei pazienti con Alzheimer non sembrano invece dotati di un’efficacia clinica significativa, almeno secondo quanto riportato sul New England Journal of Medicine. Dice Eric...
transparent

gen152014

La vitamina E rallenta l’Alzheimer in fase iniziale

Nei casi di Alzheimer (Ad) lieve o moderato una dose giornaliera di 2000 UI di vitamina E rallenta, rispetto al placebo, il declino funzionale riducendo il bisogno di assistenza da parte di badanti e familiari. «L’alfa-tocoferolo, una delle vitamine liposolubili...
transparent
Un gene raddoppia il rischio di Alzheimer tardivo

dic122013

Un gene raddoppia il rischio di Alzheimer tardivo

Secondo una lettera su Nature, la codifica genetica di una rara variante della fosfolipasi D3 (Pld3) può raddoppiare il rischio di Alzheimer a insorgenza tardiva (LOAD). «Gli studi di associazione genome-wide (GWAS, ricerche sull’intero genoma che valutano...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>