Demenza

Alzheimer, lo studio: il cervello può compensare i danni

set202014

Alzheimer, lo studio: il cervello può compensare i danni

Il cervello umano è in grado di compensare alcuni dei primi cambiamenti indotti dalla deposizione di beta-amiloide caratteristica della malattia di Alzheimer: lo hanno scoperto i ricercatori della University of California, che hanno pubblicato sulla rivista...
transparent
Uso a lungo termine di benzodiazepine aumenta il rischio di Alzheimer

set122014

Uso a lungo termine di benzodiazepine aumenta il rischio di Alzheimer

Le benzodiazepine, soprattutto se utilizzate per lunghi periodi, possono aumentare il rischio di insorgenza di malattia di Alzheimer. A parlarne è uno studio caso-controllo realizzato in Quebec, Canada, e pubblicato sul British medical journal, a firma...
transparent
Oxford: un esame del sangue predice i soggetti a rischio di Alzheimer

lug252014

Oxford: un esame del sangue predice i soggetti a rischio di Alzheimer

Uno studio britannico, che ha coinvolto più di 1.000 scienziati del mondo accademico e industriale, ha portato allo sviluppo di un esame del sangue per predire l'insorgenza della malattia di Alzheimer (Ad). Attraverso l’analisi delle differenze riscontrate...
transparent
Alzheimer, inibitori della colinesterasi con memantina nelle linee guida europee

giu242014

Alzheimer, inibitori della colinesterasi con memantina nelle linee guida europee

Nella versione aggiornata delle linee guida europee sul trattamento della malattia di Alzheimer (Ad) - presentate a Istanbul (Turchia) nel corso del 24° meeting dell’European neurological society (Ens) - l’impiego concomitante di inibitori della colinesterasi...
transparent
Alzheimer e malattia cerebrale microvascolare sono legati fra loro

mag142014

Alzheimer e malattia cerebrale microvascolare sono legati fra loro

La deposizione di amiloide è maggiore nei pazienti con malattia cerebrale dei piccoli vasi, specie nei portatori dell’allele ε4 dell’apolipoproteina E, fornendo le prove di una sinergia fisiopatologica tra questi fattori biologici. Ecco, in sintesi, le...
transparent

apr232014

Mancanza di emozioni e materia cerebrale negli anziani

Negli anziani non dementi la mancanza di emozioni e di interessi si associa a una perdita diffusa di materia grigia e bianca, indipendentemente dalla presenza o meno di depressione. Ecco, in sintesi, le conclusioni dell’Age, gene/environment susceptibility...
transparent

apr222014

Il cuore sano in gioventù salva la mente

La perfetta salute del cuore in età giovanile è associata a un minor rischio di appannamento cognitivo tra già a partire dai quaranta anni. Sono queste le conclusioni di uno studio prospettico condotto per 25 anni su un campione di 3.381 maschi di età...
transparent
L’esame del sangue che predice il rischio di Alzheimer

apr182014

L’esame del sangue che predice il rischio di Alzheimer

In uno studio pubblicato su Annals of Neurology, i ricercatori dell’Università Cattolica e dell’Ospedale Fatebenefratelli di Roma in collaborazione con l’Istituto Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli di Brescia, hanno sviluppato un test in grado...
transparent
La Bpco favorisce il decadimento cognitivo

mar202014

La Bpco favorisce il decadimento cognitivo

Negli adulti anziani la presenza di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) da oltre 5 anni può aumentare il rischio decadimento cognitivo lieve, specie per competenze diverse da quelle mnemoniche. Sono queste le conclusion di Balwinder Singh della...
transparent
Alzheimer, test ematico per predirlo ed esercizi per contrastarlo

mar182014

Alzheimer, test ematico per predirlo ed esercizi per contrastarlo

Un esame del sangue può forse predire l’insorgenza della malattia di Alzheimer (Ad). Mark Mapstone , della University of Rochester, e collaboratori, hanno scoperto e validato un set di 10 fosfolipidi nel sangue periferico in grado di predire la conversione...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>