Demenza

Demenza, Oms: previsti casi triplicati nei prossimi 30 anni. Varato un sistema di monitoraggio globale

dic132017

Demenza, Oms: previsti casi triplicati nei prossimi 30 anni. Varato un sistema di monitoraggio globale

Di pari passo con il costante invecchiamento della popolazione, si prevede che il numero di persone affette da demenza triplicherà da 50 milioni a 152 milioni entro il 2050. La stima è riportata in un comunicato dell'Organizzazione mondiale...
transparent
Demenza, nuovo strumento per tracciare l’andamento dello sviluppo della malattia

dic122017

Demenza, nuovo strumento per tracciare l’andamento dello sviluppo della malattia

Utilizzare grafici che usano curve percentili, simili ai grafici della crescita pediatrici, per visualizzare l'andamento nel tempo del livello cognitivo, potrebbe aiutare a determinare se un paziente ha sviluppato la demenza, suggerisce uno studio pubblicato...
transparent
Allenare il cervello con compiti adeguati abbassa il rischio di demenza

nov222017

Allenare il cervello con compiti adeguati abbassa il rischio di demenza

L'allenamento cerebrale è il primo metodo a dare buoni risultati nella riduzione del rischio di demenza tra gli adulti più anziani, secondo i risultati di uno studio randomizzato e controllato pubblicato sulla rivista Alzheimer & Dementia:...
transparent
Nelle donne una pressione alta a 40 anni può far aumentare il rischio di demenza

ott102017

Nelle donne una pressione alta a 40 anni può far aumentare il rischio di demenza

Le donne che presentano una pressione sanguigna elevata a 40 anni potrebbero avere più probabilità di sviluppare la demenza in seguito, secondo uno studio pubblicato su Neurology. «La pressione alta nella mezza età è un fattore...
transparent
Demenza, senso dell’olfatto connesso alla funzione cerebrale

ott52017

Demenza, senso dell’olfatto connesso alla funzione cerebrale

Uno studio a lungo termine condotto su quasi 3.000 adulti dai 57 agli 85 anni e pubblicato sul Journal of the American Geriatrics Society ha rilevato che chi non era in grado di identificare almeno quattro su cinque odori comuni aveva più del doppio...
transparent

set262017

I pazienti con diabete ricevono diagnosi di demenza quando sono più giovani e sono meno curati

I risultati di uno studio pubblicato su Diabetes Care hanno mostrato che i pazienti con diabete sono più giovani al momento della diagnosi di demenza e ricevono meno farmaci per la demenza dovuta alla malattia di Alzheimer, suggerendo un trattamento...
transparent
Alzheimer, scoperto pilastro fondamentale del rapporto tra dieta e demenza

lug242017

Alzheimer, scoperto pilastro fondamentale del rapporto tra dieta e demenza

In uno studio presentato alla Alzheimer's Association International Conference (Aaic) 2017, un gruppo di studio guidato da Yian Gu , della Columbia University e del Taub Institute for Research on Alzheimer's Disease and the Aging Brain di New York, potrebbe...
transparent
L’attività fisica non protegge dal declino cognitivo o dalla demenza

giu302017

L’attività fisica non protegge dal declino cognitivo o dalla demenza

Secondo uno studio a lungo termine pubblicato sul British Medical Journal, l'attività fisica non sembra proteggere contro il declino cognitivo o la demenza. «Dato il rapido l'aumento dell'aspettativa di vita, la demenza è sempre più...
transparent
La stimolazione cognitiva a domicilio può aiutare il rapporto tra paziente e caregiver

mar292017

La stimolazione cognitiva a domicilio può aiutare il rapporto tra paziente e caregiver

La terapia di stimolazione cognitiva individuale (iCST) dei pazienti con demenza, un intervento effettuato a casa dai familiari che si prendono cura dei malati, ha poco impatto sulla funzione cognitiva, ma aumenta la qualità del rapporto tra il...
transparent
Demenza, informare i pazienti su vantaggi diagnosi precoce non migliora esiti

mar232017

Demenza, informare i pazienti su vantaggi diagnosi precoce non migliora esiti

Secondo uno studio pubblicato su Plos Medicine, incoraggiare i pazienti con potenziale deficit di memoria a consultare il medico di base precocemente ha portato a una maggiore presenza di persone nell'ambulatorio, ma non ha contribuito a cambiare il comportamento...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>