Demenza

L’apatia nella demenza di tipo Alzheimer non migliora con il bupropione

giu82020

L’apatia nella demenza di tipo Alzheimer non migliora con il bupropione

Nei pazienti con demenza di tipo Alzheimer (Dat) e senza umore depresso, il bupropione, sebbene sicuro, non riduce l'apatia rispetto al placebo. A dirlo è uno studio pubblicato su Jama Network Open. Come spiegano Franziska Maier , dell'University...
transparent
Covid-19 nei pazienti con demenza, mutazione genetica contribuisce all’aumento del rischio

giu42020

Covid-19 nei pazienti con demenza, mutazione genetica contribuisce all’aumento del rischio

Secondo uno studio pubblicato su Journal of Gerontology: Medical Sciences, una mutazione genetica collegata alla demenza raddoppia il rischio di sviluppare forme gravi di Covid-19. «Abbiamo analizzato i dati dello studio Uk Biobank, che raccoglie informazioni...
transparent
L’età avanzata non fa diminuire il rischio di demenza. Lo studio del Mario Negri

feb172020

L’età avanzata non fa diminuire il rischio di demenza. Lo studio del Mario Negri

L'incidenza della demenza continua ad aumentare anche tra gli anziani con più di 80 anni, e l'apparente diminuzione del rischio di sviluppare la malattia man mano che cresce l'età è dovuta al rischio competitivo della morte e alla...
transparent
Demenza, Iss: un centro su 5 aperto solo un giorno a settimana

nov282019

Demenza, Iss: un centro su 5 aperto solo un giorno a settimana

Dei Centri per i disturbi cognitivi e le demenze ( Cdcd ) presenti in Italia, 1 su 5 è aperto e solo un giorno a settimana, lo rivela un nuovo report dell'Istituto superiore di sanità presentato al convegno "Il contributo dei Centri...
transparent
L’analfabetismo aumenta il rischio di demenza in età avanzata

nov202019

L’analfabetismo aumenta il rischio di demenza in età avanzata

Le persone analfabete possono avere un rischio quasi tre volte maggiore di sviluppare la demenza rispetto alle persone che sanno leggere e scrivere, secondo uno studio pubblicato su Neurology. «Essere in grado di leggere e scrivere permette alle...
transparent

set22016

In alcuni casi la supplementazione di calcio si associa a un aumento del rischio di demenza

Secondo i risultati di uno studio pubblicato su Neurology, la supplementazione di calcio potrebbe essere associata a un aumentato rischio di demenza nelle donne anziane con pregresso ictus o malattia cerebrovascolare. «L'osteoporosi è comune nelle...
transparent

nov232015

Negli anziani una perdita di olfatto si associa alla comparsa di un deficit cognitivo

Secondo uno studio pubblicato su Jama Neurology svolto su pazienti anziani, la presenza di una compromissione olfattiva si associa a una lieve insufficienza amnesico-cognitiva, caratterizzata soprattutto dalla perdita di memoria, e alla progressione verso...
transparent
Associazione tra demenza e peso corporeo controversa nelle persone di mezz’età

apr132015

Associazione tra demenza e peso corporeo controversa nelle persone di mezz’età

Le persone di mezza età con indice di massa corporea sotto i 20 kg/m 2 , hanno un terzo di probabilità in più di sviluppare demenza rispetto ai coetanei normopeso, secondo uno studio pubblicato su The Lancet diabetes & endocrinology....
transparent

dic92014

La demenza nell’anziano viene spesso trascurata

Da uno studio pubblicato su Neurology appare che oltre la metà degli anziani affetti da demenza non ha mai visto un medico in relazione ai suoi disturbi: addirittura il 55% delle persone con demenza valutate nello studio non aveva mai avuto una valutazione...
transparent
Screening per la demenza: pochi i pazienti valutati dallo specialista

dic32014

Screening per la demenza: pochi i pazienti valutati dallo specialista

Gran parte dei malati di demenza non ha mai visto un medico riguardo ai suoi disturbi di memoria e di pensiero, secondo uno studio pubblicato su Neurology, da cui emerge che nel 55% delle persone con demenza esaminate non era mai avvenuta una valutazione...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>