Defibrillatori impiantabili

Con dispositivi elettronici cardiovascolari i rischi della risonanza sono minimi

mar12017

Con dispositivi elettronici cardiovascolari i rischi della risonanza sono minimi

Nessun dispositivo di assistenza al ritmo cardiaco non approvato dalla Food and Drug Administration (Fda) per l'uso durante la risonanza magnetica (Mri), opportunamente schermato e riprogrammato, è andato incontro a malfunzionamenti durante lo...
transparent
Il defibrillatore indossabile può essere un’alternativa efficace a quello impiantabile

apr12016

Il defibrillatore indossabile può essere un’alternativa efficace a quello impiantabile

Un defibrillatore automatico indossabile può essere una valida opzione per i pazienti a rischio di aritmie minacciose non candidabili al defibrillatore impiantabile (Icd), secondo quanto conclude su Circulation un documento dell'American Heart...
transparent

mar162016

In Italia il primo defibrillatore cardiaco compatibile con la risonanza magnetica a 1,5 e 3 tesla

Per il trattamento dello scompenso cardiaco arriva anche in Italia un nuovo e più efficace defibrillatore biventricolare impiantabile sottocute e compatibile con la risonanza magnetica in tutto il corpo. Il dispositivo, realizzato da Medtronic,...
transparent

gen222016

Defibrillatori cardioversori: nei giovani l’impianto può essere troppo prematuro

Un numero significativo di pazienti, anche in giovane età, nei quali sono stati impiantati defibrillatori cardioversori per una sindrome del QT lungo (Lqts) li hanno ricevuti per motivi non consoni alle attuali linee guida o per una diagnosi inappropriata,...
transparent

gen152016

Scompenso cardiaco, impianto di un defibrillatore cardioversore è utile in entrambi i generi

Tra i pazienti con insufficienza cardiaca a ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra, l'impianto in prevenzione primaria di un defibrillatore cardioversore si associa a un significativo miglioramento della sopravvivenza non solo tra gli uomini,...
transparent
Defibrillatori cardioversori impiantabili poco usati negli anziani dopo infarto

giu242015

Defibrillatori cardioversori impiantabili poco usati negli anziani dopo infarto

Tra i pazienti Medicare colpiti da un attacco cardiaco tra il 2007 e il 2010, meno di 1 su 10 tra quelli con bassa frazione di eiezione ha ricevuto un defibrillatore cardioversore impiantabile entro un anno dall'evento acuto, nonostante l'uso del dispositivo...
transparent

mar302015

Danni causati da pacemaker e defibrillatori difettosi

Gli articoli 1 e 9, primo comma, lettera a), della direttiva 85/374 devono essere interpretati nel senso che il danno causato da un'operazione chirurgica di sostituzione di un prodotto difettoso, quale un pacemaker o un defibrillatore automatico impiantabile,...
transparent

ott202014

Identificare in chi è indicato l'uso di defibrillatore cardioversore impiantabile

Un aumento dei biomarcatori d’infiammazione e danno miocardico aumenta il rischio di morte, ma non predice le probabilità di uno shock erogato da un defibrillatore cardioversore impiantabile (Icd). È quanto conclude su Circulation: arrhythmia and electrophysiology...
transparent

giu162014

Indicazioni più ampie per i defibrillatori-cardioversori impiantabili

La sopravvivenza dei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ventricolare sinistra (Lvef) del 30-35% migliora grazie all’impianto di defibrillatori-cardioversori. È quanto si afferma in uno studio condotto dai ricercatori del Duke clinical...
transparent

giu162014

Dopo l’impianto di un defibrillatore-cardioversore i controlli siano precoci

Un follow up precoce eseguito in un centro specialistico dopo l’impianto di un defibrillatore-cardioversore si associa a una riduzione del 31% della mortalità, secondo uno studio coordinato dai ricercatori dell’Institute for clinical evaluative sciences...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi