DECLINO COGNITIVO

lug132022

Potenziale associazione tra ipotestosteronemia e aumentato rischio di demenza. Dati della UK Biobank

L'invecchiamento è associato sia a declino cognitivo, che a una progressiva riduzione dei livelli di testosterone (T) totale, libero e biodisponibile, e a un incremento della sex hormone-binding globulin (SHBG), che contribuiscono sia all'insorgenza...
transparent
Sclerosi multipla, ozanimod efficace a lungo termine con ruolo protettivo dal declino cognitivo

lug112022

Sclerosi multipla, ozanimod efficace a lungo termine con ruolo protettivo dal declino cognitivo

All'European academy of neurology (Ean), che si è tenuto di recente a Vienna, sono stati presentati cinque abstract su dati provenienti dagli studi registrativi e dallo studio di estensione (Ole-Daybreak) con ozanimod, farmaco orale per il trattamento...
transparent
Covid-19, chi viene ricoverato rischia un declino cognitivo equivalente a 20 anni di invecchiamento

mag52022

Covid-19, chi viene ricoverato rischia un declino cognitivo equivalente a 20 anni di invecchiamento

Le persone che vengono ricoverate in ospedale con COVID-19 possono perdere anche 10 punti di quoziente intellettivo, equivalenti al naturale declino cognitivo che si verifica tra i 50 e i 70 anni, secondo uno studio pubblicato su eClinicalMedicine. «Il...
transparent
Gli antibiotici nella mezza età si legano a lievi diminuzioni cognitive

mag42022

Gli antibiotici nella mezza età si legano a lievi diminuzioni cognitive

Secondo uno studio pubblicato su Plos One, l'uso a lungo termine di antibiotici nella mezza età è associato a lievi diminuzioni della cognizione più avanti nella vita. «È sempre più chiaro che il microbioma intestinale svolga...
transparent
Dopo il Covid-19 sale tra gli anziani il rischio di declino cognitivo

mar102022

Dopo il Covid-19 sale tra gli anziani il rischio di declino cognitivo

La sopravvivenza al COVID-19 è associata a un aumento del rischio di declino cognitivo, secondo uno studio pubblicato su JAMA Neurology. «Determinare l'impatto a lungo termine del COVID-19 sulla cognizione è importante per comprendere quali...
transparent
Declino cognitivo, combattere la solitudine è importante per ridurre il rischio di demenza

feb102022

Declino cognitivo, combattere la solitudine è importante per ridurre il rischio di demenza

Uno studio pubblicato su Neurology mostra un legame forte tra solitudine e rischio di demenza.«Il nostro lavoro sottolinea l'importanza della solitudine e dei problemi di connessione sociale nel rischio di sviluppare la demenza con l'avanzare dell'età»...
transparent

mag102021

Una nuova cura migliora la funzione cognitiva nei pazienti con sindrome dell'X fragile

Si chiama BPN14770 il farmaco sperimentale che, secondo i risultati di uno studio pubblicato su Nature Medicine, ha prodotto significativi miglioramenti nella funzione cognitiva e nel linguaggio dei pazienti con sindrome dell'X fragile (FXS). «Questi...
transparent
Valutazioni virtuali della cognizione, servono approfondimenti sulla certezza diagnostica

mag102021

Valutazioni virtuali della cognizione, servono approfondimenti sulla certezza diagnostica

Sebbene ci siano prove sostanziali a supporto della valutazione e dei test cognitivi virtuali, i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of the American Geriatrics Society hanno identificato lacune critiche nella certezza diagnostica. «L'assistenza...
transparent
Ipertensione, iperglicemia e obesità giovanili favoriscono il maggiore declino cognitivo in età avanzata

mar232021

Ipertensione, iperglicemia e obesità giovanili favoriscono il maggiore declino cognitivo in età avanzata

Secondo uno studio pubblicato su Neurology, le persone tra i 20 e i 30 anni che hanno problemi di salute come ipertensione, obesità e alti livelli di glucosio nel sangue potrebbero avere maggiori probabilità di avere problemi di cognizione...
transparent
Declino cognitivo, l’Aha fa il punto sul ruolo dei medici di assistenza primaria

mar172021

Declino cognitivo, l’Aha fa il punto sul ruolo dei medici di assistenza primaria

Una nuova dichiarazione scientifica della American Stroke Association/American Heart Association sottolinea che le cliniche di assistenza primaria possono svolgere un ruolo importante nel preservare la salute del cervello dei pazienti utilizzando come...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi