Focus

nov62018

Ipertensione lieve, studio mette in discussione il trattamento farmacologico

Un trattamento con farmaci anti-ipertensivi in pazienti con innalzamento pressorio lieve non è associato a un minor rischio di morte o di malattia cardiovascolare, ma è collegato a un aumento del rischio di eventi avversi. Questo, in breve, quanto riferisce uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine, che suggerisce ai medici di essere cauti nell'iniziare il trattamento in pazienti a basso rischio con ipertensione lieve, in particolare perché un simile approccio può interessare milioni di individui per i quali non ci sarebbe prova di beneficio, anche se l'American College of Cardiology e la American Heart Association attualmente raccomandano che si dia il via alla terapia in tutti coloro che presentano una pressione sistolica superiore a 140 mmHg o una pressione diastolica superiore a 90 mmHg.

«Nel nostro studio, che ha valutato cartelle cliniche elettroniche di 38.286 pazienti a basso rischio con ipertensione lieve, non è stata trovata prova di alcuna associazione tra esposizione al trattamento antipertensivo e mortalità o malattia cardiovascolare. Abbiamo invece riscontrato che il trattamento può essere associato a un aumentato rischio di eventi avversi, quali ipotensione, sincope e danno renale acuto» spiega James Sheppard, della University of Oxford, autore principale dello studio. Per determinare se il trattamento anti-ipertensivo riducesse il rischio di mortalità e malattia cardiovascolare in questa popolazione di pazienti, i ricercatori hanno condotto uno studio longitudinale di coorte su dati rappresentativi della popolazione del Clinical Practice Research DataLink tra gennaio 1998 e settembre 2015. I pazienti inclusi nello studio avevano ricevuto una diagnosi di ipertensione lieve, determinata da tre letture consecutive di valori pressori sanguigni compresi tra 140 mmHg sistolica/90 mmHg diastolica e 159 mmHg sistolica/99 mmHg diastolica in un periodo di 12 mesi, ed erano stati considerati a basso rischio, cioè con nessuna storia di malattia cardiovascolare, ipertrofia ventricolare sinistra, fibrillazione atriale, diabete, malattia renale cronica o malattia cardiaca precoce.

Mediante modelli di regressione proporzionale di Cox, sono state confrontate 19.143 persone trattate con farmaci antipertensivi, con età media di 55 anni, 56% donne, 56% di razza bianca con altrettanti individui non trattati con caratteristiche sovrapponibili. I partecipanti allo studio sono stati seguiti per un periodo medio di 5,8 anni. Come anticipato, durante questo periodo i ricercatori non hanno osservato alcuna associazione tra trattamento antipertensivo e mortalità (Hazard Ratio (HR)=1,02) o tra trattamento anti-ipertensivo e malattia cardiovascolare (HR=1,09), mentre hanno rilevato un'associazione tra trattamento antipertensivo e aumento del rischio di eventi avversi, tra cui ipertensione (HR=1,69), sincope (HR=1,28), anomalie elettrolitiche (HR=1,72) e danno renale acuto (HR=1,37). Gli autori sottolineano che non vi è quindi alcuna prova che il trattamento anti-ipertensivo sia associato a ridotta mortalità o a diminuzione dei tassi di malattia cardiovascolare nei pazienti a basso rischio con ipertensione lieve. «I dati potrebbero essere soggetti a qualche elemento confondente che non siamo riusciti a controllare, ma suggeriscono che si dovrebbe essere cauti quando si prende in considerazione il trattamento in questa popolazione» concludono i ricercatori.

JAMA Intern Med. 2018. doi: 10.1001/jamainternmed.2018.4684 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30383082
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community