Diritto Sanitario

feb172017

L'equipollenza tra titoli di studio non può essere stabilita dal Giudice

Non è ammissibile ritenere sussistente l'equipollenza tra titoli sulla base di una sorta di "proprietà transitiva" o di equipollenza derivata senza che il suddetto interscambio tra l'una e l'altra specializzazione comporti una "vanificazione" della stessa normativa in tema di equipollenza ed affinità Considerato il carattere eccezionale delle norme che stabiliscono l'equipollenza dei titoli di studio, deve essere esclusa la possibilità che queste siano suscettibili di interpretazione analogica atteso che sia per ritenere un titolo di studio assorbente rispetto ad un altro, o perché quest'altro sia propedeutico rispetto al primo o perché il primo tratti delle stesse, fondamentali materie dell'altro, ma in maniera più approfondita, sia per ritenere l'equipollenza fra più titoli di studio, occorre un atto normativo; l'equipollenza fra titoli di studio può essere infatti stabilita solo dalle norme, primarie o secondarie e non, invece, ad opera dell'Amministrazione o del giudice, in base a valutazioni sull'ampiezza degli esami sostenuti o sull'eventuale assorbenza di un titolo rispetto ad un altro. (Avv. Ennio Grassini - www.dirittosanitario.net)
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community