Dalle aziende

Valutare con maggiore precisione il rischio di frattura


BES TEST è l'innovativo test d'indagine che valuta la qualità della struttura interna dell'osso per monitorare l'osteoporosi determinando il rischio di frattura e migliorando la qualità della vita delle persone

L'osteoporosi, malattia che indebolisce la densità e la qualità del tessuto osseo, determinando un aumento del rischio di fratture, è sintomaticamente silenziosa e progressiva, fino al verificarsi della prima frattura da fragilità a causa di un evento traumatico lieve, come una caduta dalla posizione eretta o un urto minore.

A causa dell'innalzamento dell'età media della popolazione, in Italia 4 milioni di persone sono affette da questa patologia[1], con un peso notevole per il Sistema Sanitario Nazionale. In un contesto sfidante come questo, nel 2016 a Trieste è nata M2TEST, la start-up tutta in rosa fondata con l'obiettivo di migliorare la vita delle persone grazie alla prevenzione dell'osteoporosi. Mediante l'uso del BES TEST - acronimo di Bone Elastic Structure Test - un innovativo strumento di analisi della qualità dell'osso e del rischio di frattura, è possibile diagnosticare la patologia con un unico test, veloce e praticamente non invasivo che monitora l'osteoporosi in piena sicurezza.

BES TEST permette di valutare la qualità della struttura interna dell'osso simulando l'applicazione di carichi su una biopsia virtuale ottenuta a partire da un'immagine radiografica. A differenza del Trabecular Bone Score (TBS), BES TEST non si limita semplicemente ad osservare le variazioni dei toni di grigio sull'immagine ma permette di sollecitare virtualmente in modo accurato la struttura trabecolare. È in grado di identificare precocemente i soggetti a rischio di frattura che sfuggono alla densitometria (attuale punto di riferimento nella diagnosi di osteoporosi) e si propone quindi di migliorare la diagnosi del rischio di frattura, a costi estremamente contenuti. Il test elabora le radiografie planari della mano non dominante acquisite in corrispondenza delle nocche di indice, medio e anulare. Le radiografie si ottengono con un apparecchio radiologico portatile di tipo palmare che emette una quantità estremamente ridotta di radiazioni, pesa poco ed ha ingombri ridottissimi, per soddisfare anche le esigenze dei centri diagnostici che non possono ospitare soluzioni tradizionali più ingombranti o che vogliono migliorare l'offerta di servizi, aggiungendo il BES TEST alla tradizionale densitometria di cui alcuni già dispongono.

"Credo che far resistere le strutture sia un desiderio innato negli ingegneri - afferma Francesca Cosmi, inventore del BES TEST e Co-Founder di M2TEST - ed una costruzione complessa ed organizzata come quella dell'architettura interna dell'osso rende la sfida ancor più affascinante. In un materiale così articolato, il calo della massa ossea, come è misurato dagli strumenti comunemente in uso, non basta da solo per spiegare tutte le fratture osteoporotiche. Su queste basi ho deciso di approfondire il problema della valutazione del rischio. Migliorare la conoscenza della situazione specifica del paziente richiede di studiare anche la complessa struttura trabecolare all'interno dell'osso essendo la prima spia delle alterazioni ossee. È così che è nato il BES TEST".

Uno dei problemi più grandi legati all'osteoporosi è la disinformazione: spesso si sottovaluta che la migliore risposta per contrastare questa patologia resta la prevenzione e la diagnosi precoce. "Il monitoraggio e l'individuazione tempestiva dei maggiori fattori di rischio può iniziare già dai 30 anni. - spiega Alessandra Nicolosi, Amministratore Delegato di M2TEST - Ognuno di noi può fare la sua parte svolgendo attività fisica regolare e facendo attenzione all'alimentazione. Inoltre, esistono diverse terapie farmacologiche la cui efficacia su ciascun paziente può essere monitorata proprio grazie al nostro BES TEST".

Infatti, in virtù della bassa quantità di radiazioni emesse, BES TEST risulta decisivo sia a livello di prevenzione che di personalizzazione del trattamento. È infatti possibile sottoporvisi in età giovane, già dai 30 anni, e a intervalli più frequenti rispetto alle altre soluzioni al momento disponibili sul mercato.

Sino ad oggi, in Italia, BES TEST è stato effettuato a 2.200 pazienti a partire dalla fine del 2016 nelle regioni Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Sardegna, Toscana e Veneto, dove sono presenti centri che mettono a disposizione questo strumento di indagine. Le città dove oggi è possibile effettuare il test sono: Udine, Trieste, Pordenone, Roma, Milano, Sassari, Olbia, Firenze, Belluno e Vicenza.

Il test può essere condotto da una molteplicità di figure professionali come medici di medicina generale, ortopedici, osteopati, medici reumatologi, geriatri, farmacisti, Centri per l'osteoporosi, Centri per malattie dell'osso, Cliniche, Centri diagnostici, Studi dentistici, Medicina di laboratorio / Diagnostica e centri dentistici, ma la refertazione finale del test dev'essere effettuata da personale medico.





Per saperne di più: https://www.bestest.it/
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>