Comorbilità

lug272015

Allopurinolo, negli asintomatici con comorbidità è maggiore il rischio di gravi eventi avversi

Nell'iperuricemia asintomatica associata a malattie renali o cardiovascolari l'allopurinolo aumenta in modo significativo il rischio di reazioni da ipersensibilità, secondo uno studio su Jama internal medicine coordinato da Shuen-Iu Hung dell'Istituto...
transparent

lug132015

Se c’è multimorbilità cardiometabolica l’aspettativa di vita cala bruscamente

La mortalità associata a una storia pregressa di diabete, ictus o attacco di cuore è simile per ognuna di queste condizioni patologiche, ma sale per ogni comorbilità che si aggiunge: è quanto rileva uno studio pubblicato sulla...
transparent

lug132015

Bene terapia cognitivo-comportamentale nell’insonnia, anche con comorbidità

Secondo un articolo su Jama internal medicine la terapia cognitivo-comportamentale, un trattamento non farmacologico ampiamente usato per curare l'insonnia, potrebbe funzionare anche nei pazienti in cui i disturbi del sonno si associano a patologie psichiatriche...
transparent
La multimorbidità cardiometabolica riduce l’aspettativa di vita

lug82015

La multimorbidità cardiometabolica riduce l’aspettativa di vita

In uno studio pubblicato su Jama la mortalità associata a una storia pregressa di diabete, ictus o attacco di cuore era simile per ognuna di queste condizioni patologiche, ma saliva per ogni malattia in più. «La multimorbilità cardiometabolica...
transparent
Politerapia, linee guida ancora inadeguate non valutano le interazioni

apr82015

Politerapia, linee guida ancora inadeguate non valutano le interazioni

In Italia più di 1.300.000 individui (11,3%) ricevono una prescrizione contemporanea di 10 o più farmaci. È questo uno dei dati che emergono da una ricerca italiana sulla qualità della prescrizione che, per la prima volta, ha preso...
transparent
Il rischio di morte prematura aumenta nell’Adhd

mar22015

Il rischio di morte prematura aumenta nell’Adhd

Nelle persone con Adhd, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività, aumenta il rischio di morte prematura rispetto a chi non ha il disturbo, secondo uno studio pubblicato su The Lancet. «Gli incidenti sono la causa di decesso più...
transparent

gen132015

La chirurgia bariatrica allunga la vita anche dei maschi obesi con comorbidità

Tra gli obesi statunitensi assistiti dal sistema sanitario dei Veterans affairs (Va), quelli sottoposti a chirurgia bariatrica hanno un tasso di mortalità a 5 e 10 anni per tutte le cause significativamente minore rispetto ai non operati. Sono...
transparent

set72012

Malattie croniche: sport nella mezza età migliora la terza

In soggetti adulti sani di mezza età la forma cardiorespiratoria (fitness) si associa in modo significativo a un ridotto rischio di sviluppare malattie croniche per un lungo periodo di tempo. Questi dati, frutto di una ricerca coordinata da Jarett D...
transparent

giu262012

Epidemiologia delle polipatologie: organizzazione sanitaria, ricerca e formazione

La cura delle malattie croniche rappresenta oggi la sfida principale per i sistemi sanitari di tutto il mondo; tuttavia le organizzazioni sanitarie sono essenzialmente configurate per il trattamento in acuto delle singole patologie e non per affrontare le condizioni cliniche multi-patologiche. Il trattamento dei pazienti con comorbilità (2 o più malattie croniche associate) richiede un approccio globale a tutto campo, con la attivazione di programmi di ricerca clinica dedicata e la progettazione e realizzazione di iniziative di formazione adeguata.
transparent

giu122012

La società civile e di conseguenza il sistema sanitario soffrono di scotomi?

Negli USA, così come nel nostro Paese, la società civile soffre di una sorta di cecità che impedisce di riconoscere l’importanza di modificare l’organizzazione sanitaria a fronte del progressivo invecchiamento della popolazione. Tutti i medici, non solo gli specialisti geriatri, dovrebbero possedere le competenze di base per saper curare i pazienti più anziani. Questa l’affermazione perentoria di Rosanne Leipzig, William Hall e Linda Fried riportata in un articolo recentemente pubblicato sugli Annals of Internal Medicine.
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi