Politica e Sanità

giu212011

Clusit: sulla sicurezza dei dati personali mantenere alta l’attenzione

In tema di sicurezza sul trattamento dei dati personali l’Associazione italiana per la sicurezza informatica (Clusit), che raggruppa 500 organizzazioni di vari ambiti, tra cui la sanità, invita a non abbassare la guardia e, insieme ad altre associazioni, propone alcune richieste di modifica al decreto legge 70/2011, in vigore dal 14 maggio, che contiene disposizioni per la semplificazione della normativa sulla privacy. «Dobbiamo riconoscere» ha detto Gigi Tagliapietra, presidente Clusit, «che le iniziative di semplificazione perseguite dal decreto sono sicuramente positive, in particolare verso quegli obblighi che, dopo più di 14 anni di applicazione della normativa sulla privacy, si sono rivelati di minore efficacia». Da qui la necessità di sottoporre al Parlamento alcune proposte di modifica al Decreto sulla semplificazione, con l’obiettivo di riaffermare l’importanza degli adempimenti a tutela della sicurezza dei dati. Tra le richieste portate avanti, quella di fornire una definizione più chiara dei trattamenti per finalità amministrativo-contabili, oggetto negli ultimi anni di semplificazioni che hanno dato adito a dubbi interpretativi, e di mantenere in essere un livello minimo di sicurezza per questo tipo di dati personali, anche quando riferiti a persone giuridiche, enti o associazioni.


Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community