Clinica

Long Covid, la persistenza dell’antigene di SARS-CoV-2 nell’intestino potrebbe essere alla base

mag52022

Long Covid, la persistenza dell’antigene di SARS-CoV-2 nell’intestino potrebbe essere alla base

Secondo uno studio pubblicato su Gastroenterology, la persistenza dell'antigene di SARS-CoV-2 nei tessuti infetti è alla base della sindrome post-acuta da COVID-19, il cosiddetto long COVID. «La pandemia da COVID-19 è con noi da ormai più...
transparent
SARS-CoV-2, la variante omicron causa meno ricoveri e decessi ma può essere grave

mag42022

SARS-CoV-2, la variante omicron causa meno ricoveri e decessi ma può essere grave

Secondo uno studio pubblicato su eBioMedicine, la variante omicron di SARS-CoV-2 ha maggiori probabilità di causare infezioni negli individui vaccinati rispetto alla variante delta, anche se provoca meno ricoveri. I pazienti ricoverati in ospedale,...
transparent
Sangue artificiale, da studio italiano passo avanti verso la produzione su larga scala

mag42022

Sangue artificiale, da studio italiano passo avanti verso la produzione su larga scala

Il trapianto di cellule staminali del sangue - attualmente trattamento standard per molti tumori e malattie genetiche rare - rappresenta l'esempio più longevo di medicina rigenerativa, capace cioè di promuovere la formazione di nuovi tessuti...
transparent
I vaccini anti-COVID-19 hanno un impatto positivo sui decessi anche a livello di popolazione

mag32022

I vaccini anti-COVID-19 hanno un impatto positivo sui decessi anche a livello di popolazione

Meno persone muoiono a causa del COVID-19 nelle comunità più ampiamente vaccinate, secondo uno studio pubblicato sul British Medical Journal. «Mentre i precedenti studi sui vaccini contro COVID-19 hanno mostrato benefici a livello individuale,...
transparent
Chi ha uno stile di vita sano vive più a lungo e rimane per più tempo senza Alzheimer

mag22022

Chi ha uno stile di vita sano vive più a lungo e rimane per più tempo senza Alzheimer

Uno studio pubblicato sul British Medical Journal suggerisce che uno stile di vita sano sia associato a un'aspettativa di vita più lunga, e anche a un maggiore numero di anni senza il morbo di Alzheimer. Il raggiungimento dell'età avanzata,...
transparent
Emicrania e “buco del cuore”, nuove evidenze da uno studio italiano

mag22022

Emicrania e “buco del cuore”, nuove evidenze da uno studio italiano

Diversi studi osservazionali evidenziano una relazione fra emicrania con aura e difetto cardiaco congenito del Forame Ovale Pervio (PFO), comunemente chiamato "buco nel cuore". Tuttavia, non è mai stato chiarito il meccanismo che lega PFO e il...
transparent
Interazioni tra farmaci e genoma, un sistema intelligente supporta in modo rapido e affidabile la decisione prescrittiva

apr292022

Interazioni tra farmaci e genoma, un sistema intelligente supporta in modo rapido e affidabile la decisione prescrittiva

Le interazioni tra farmaci (Ddi, drug-drug interactions) rappresentano un motivo di preoccupazione per il prescrittore, soprattutto nei pazienti in politerapia, sia per la frequente possibilità di forti effetti collaterali o inefficacia sia per...
transparent
Aumentano i sintomi depressivi negli adolescenti a causa del Covid19

apr292022

Aumentano i sintomi depressivi negli adolescenti a causa del Covid19

A causa della pandemia di COVID-19, tra i giovani che frequentano le scuole secondarie del Regno Unito, e in particolare nelle ragazze, sono aumentati i sintomi depressivi ed è diminuita la soddisfazione per la vita, secondo uno studio pubblicato...
transparent
La resistenza antimicrobica si combatte meglio con un approccio stratificato

apr282022

La resistenza antimicrobica si combatte meglio con un approccio stratificato

Per contrastare in modo efficace la resistenza antimicrobica è necessario un approccio su più fronti, che includa formazione, collaborazione con i media e cambiamento di mentalità, secondo un nuovo studio pubblicato su PLoS ONE, che...
transparent
Le placche aterosclerotiche “dialogano” con il cervello, lo studio italiano su Nature

apr282022

Le placche aterosclerotiche “dialogano” con il cervello, lo studio italiano su Nature

Le placche aterosclerotiche, formate da un accumulo di grassi, colesterolo, tessuto fibroso e cellule del sistema immunitario, rappresentano il segno distintivo dell'aterosclerosi. Ora, una nuova ricerca pubblicata su Nature, che vede tra i principali...
transparenttransparent
Per vedere le news dell'ultimo mese cliccare su Pagina Successiva.
Per vedere tutto l'archivio cliccare qui
transparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi