Clinica

mar172017

Cardiopatia valvolare, aggiornate le linee guida Aha/Acc su gestione dei pazienti

Per identificare i dati in grado di modificare le precedenti raccomandazioni, gli esperti dell'American Heart Association e dell'American College of Cardiology, autori del documento redatto nel 2014 e dedicato alla gestione dei pazienti con cardiopatia valvolare (Vhd), hanno recensito sia gli studi clinici presentati in occasione dei convegni scientifici annuali dell'ACC, dell'Aha, della Società europea di cardiologia sia quelli pubblicati in letteratura medica da ottobre 2013 a novembre 2016. Il risultato di questi sforzi è il documento appena pubblicato su Circulation, intitolato Aggiornamento mirato 2017 delle linee guida AHA/ACC 2014 per la gestione dei pazienti con cardiopatia valvolare.

«Le conoscenze sulla cardiopatia valvolare si stanno ampliando rapidamente, sia in tema di storia naturale della malattia, sia per quanto riguarda i progressi nel campo della diagnostica e del trattamento» esordisce il copresidente del Comitato di esperti che ha redatto il documento Catherine Otto, professore di medicina e direttore della Heart Valve Clinic dell'Università di Washington School of Medicine a Seattle. La ricercatrice ricorda che dal 2014 diversi studi randomizzati e controllati sono stati pubblicati specie in campo interventistico. «Le principali aree oggetto di modifiche includono le indicazioni per la sostituzione transcatetere della valvola aortica, per la gestione chirurgica del paziente con rigurgito mitralico primario e secondario, nonché la gestione dei pazienti con protesi valvolari» scrivono gli autori. «Per garantire che le linee guida restino aggiornate, i nuovi dati vengono rivisti degli autori in modo continuativo, con l'aggiunta di singole raccomandazioni basate sulla pubblicazione di nuovi studi e revisioni complete ogni 6 anni circa» spiega la cardiologa. E conclude: «Questo nuovo approccio di sviluppo delle linee guida garantisce una tempestiva valutazione da parte degli autori di ogni studio potenzialmente in grado di modificare le indicazioni per un farmaco, un dispositivo o una strategia di gestione».

Circulation 2017. doi: 10.1161/CIR.0000000000000503 http://circ.ahajournals.org/content/early/2017/03/14/CIR.0000000000000503
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community