Ricerca

set72016

Cheratosi attinica, risultati positivi da associazione 5-fu e acido salicilico

L'associazione di 5-fluorouracil (5-FU) 0,5%/acido salicilico 10% applicata una volta al giorno come trattamento topico delle lesioni di cheratosi attinica (Ak) è efficace e sicura. È quanto emerge dai risultati dello studio clinico di Fase III, randomizzato, in doppio cieco, contro placebo (solo veicolo), presentati al 16° Congresso Internazionale sui Tumori della Pelle e 12° Congresso dell'Associazione europea di Dermatologia Oncologica (Eado) che si è svolto recentemente a Vienna. Lo rende noto in un comunicato Almirall, sottolineando come i pazienti arruolati nello studio avevano un'area cutanea di circa 25cm2 colpita da 4-10 lesioni clinicamente confermate (grado I/II) su viso, testa o fronte.

Lo studio, che ha coinvolto 166 persone, ha soddisfatto l'endpoint primario di efficacia con una percentuale significativamente più alta di pazienti (49,5%) trattati con l'associazione di 5-fluorouracil (5-FU) 0,5% / acido salicilico 10% che hanno raggiunto la clearance completa entro 8 settimane dalla fine del trattamento rispetto al trattamento con placebo (18,2%, p=0,0006). L'associazione di 5-fluorouracil (5-FU) 0,5% / acido salicilico 10% applicata una volta al giorno è un trattamento topico unico ed efficace per le lesioni e per il trattamento locale (fino a 25 cm2) della cheratosi attinica da lieve a moderata e delle lesioni ipercheratosiche1,5,6. «Dopo l'accordo con Sun Pharma per la commercializzazione di tildrakizumab in Europa e l'acquisizione di Poli - commenta Alessandro Lattuada, Country Manager Almirall S.p.A. - questo risultato positivo rinforza ulteriormente la nostra pipeline di prodotti in sviluppo e sostiene la nostra ambizione di essere un'azienda farmaceutica leader in aree specialistiche con un'attenzione particolare nel migliorare la qualità di vita dei pazienti colpiti da patologie dermatologiche». «La prevalenza della cheratosi attinica è in aumento nel mondo e si manifesta prevalentemente dopo i 60 anni. Vi è crescente evidenza che anche le lesioni di basso grado possano diventare cancerose perciò è importante trattare tutte le lesioni di cheratosi attinica» aggiunge il Dr. Jordi Estruch. «Questi risultati positivi confermano la potenzialità dell'associazione di 5-fluorouracil (5-FU) 0,5% / acido salicilico 10% nel favorire ulteriori progressi nel trattamento della cheratosi attinica».
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community