Chemioprevenzione

Se usata per almeno cinque anni l’aspirina previene il cancro

ago302014

Se usata per almeno cinque anni l’aspirina previene il cancro

L’uso quotidiano di aspirina a basse dosi per un minimo di 5 anni sembra essere più benefico che dannoso in termini di prevenzione dei tumori, almeno secondo una revisione della letteratura pubblicata sugli Annals of oncology. Dice Jack Cuzick , del...
transparent

giu252013

Colchicina in prevenzione secondaria delle malattie cardiovascolari

Interessanti i risultati di un recente studio clinico canadese che, partendo da una oggettiva considerazione anatomo-patologica (presenza di neutrofili attivati nelle placche di pazienti con malattia coronarica instabile), ha voluto verificare se in pazienti...
transparent

feb252013

Usa, chemioterapici off-label nel 30% dei casi

Negli Usa, circa un terzo dei chemioterapici impiegati per combattere un tipo di cancro non è mai stato approvato dall’Fda per quella indicazione. Infatti, nessun regolamento vieta ai clinici di effettuare prescrizioni “off-label”,
transparent

mag82012

Aggiornate linee guida per prevenire l’emicrania episodica

Neurology ha pubblicato due nuove linee guida dell’American academy of neurology (Aan) e dell’American headache society (Ahs) con le raccomandazioni per la prevenzione dell’emicrania episodica, una con i farmaci su prescrizione e l’altra con i Fans e...
transparent

feb212012

L’aspirina nella prevenzione del cancro colo-rettale

Erano già noti gli effetti positivi dell’aspirina nella prevenzione del carcinoma colo-rettale, ma i dati di supporto a questa tesi erano basati su studi osservazionali, mentre gli studi randomizzati avevano avuto come end point primario il rischio di...
transparent

feb72012

A proposito dell’ASA in prevenzione primaria

Dopo le recentissime meta analisi di Bartolucci e di Raju sulla relativa efficacia dell’ASA in prevenzione primaria ( Bartolucci AA et al. Meta-analysis of multiple primary prevention trials of cardiovascular events using aspirin. Am J Cardiol  2011;...
transparent

feb72012

Profilassi secondaria dopo evento cerebro-vascolare: ASA ev più efficace della somministrazione orale

Molti clinici non ritengono appropriato l’utilizzo di ASA somministrata per via endovenosa a scopo antiaggregante, convinzione questa che “si è tramandata” come citazione in molti convegni pur in assenza di forti prove in tal senso. Tuttavia, contrariamente...
transparent

gen112012

Ruolo della vitamina D nella prevenzione delle malattie

La supplementazione di vitamina D è efficace nel ridurre il rischio di fratture ossee solo se in combinazione con un’integrazione di calcio, mentre non vi sono evidenze scientifiche a confermarne un ruolo positivo nel contrastare il cancro e le malattie cardiovascolari
transparent

giu272011

Esamestano: un nuovo inibitore dell’aromatasi nella prevenzione del cancro del seno con minore rischio di fratture

Il tamoxifene e il raloxifene, largamente utilizzati nella chemio-prevenzione del cancro del seno per il loro effetto modulatore sui recettori estrogenici, hanno molti limiti e molti effetti secondari (aumento del cancro dell’endometrio, tromboembolismo...
transparent

mag62011

Una foto della prevenzione cardiovascolare primaria in Europa

In Europa, pur esistendo notevoli differenze tra le varie nazioni, un'ampia quota di pazienti in prevenzione primaria presenta fattori di rischio cardiovascolare (Cv) che non sono sotto controllo e non riceve un adeguato counselling sugli stili di vita....
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community