Catecolamine

dic152014

Arresto cardiaco extra-ospedaliero: l’adrenalina nella rianimazione può essere dannosa

Meno possibilità di sopravvivere nei pazienti andati in arresto cardiaco fuori dall’ospedale e ritornati alla circolazione spontanea se prima dell’arrivo in ospedale viene utilizzata l’adrenalina. Il tutto nonostante gli interventi post-rianimazione e...
transparent
Arresto cardiaco extraospedaliero: cautela nell’uso di adrenalina

dic102014

Arresto cardiaco extraospedaliero: cautela nell’uso di adrenalina

Nei pazienti andati in arresto cardiaco fuori dall’ospedale che hanno raggiunto il ritorno della circolazione spontanea (Rosc), l'uso preospedaliero di adrenalina si associa a minori possibilità di sopravvivenza, con un significativo effetto dose-risposta...
transparent

dic92014

In caso di anafilassi l’adrenalina salva la vita

Anche se non tutti lo sanno, è l’adrenalina la corretta terapia da somministrare subito a chi viene colpito da una grave reazione allergica al cibo, al lattice o anche dopo una puntura di insetto. È questa la chiara indicazione che emerge dalle linee...
transparent

mar192012

Stress test con dobutamina predittivo nella resincronizzazione

La presenza, rilevata mediante test ecocardiografico da stress con dobutamina, di riserva contrattile ventricolare sinistra (Lvcr), aiuta a predire la risposta clinica ed ecocardiografica alla terapia di resincronizzazione cardiaca (Crt). La valutazione...
transparent

nov142011

Il parassita Toxoplasma gondii aumenta la produzione di dopamina

I risultati di uno studio coordinato da Glenn A. McConkey dell'università di Leeds (UK) mostrano per la prima volta che un parassita, individuato nel cervello dei mammiferi, può alterare i livelli di dopamina, influendo dunque sulla chimica cerebrale....
transparent

apr212011

Adrenalina da preferire nei bimbi colpiti da bronchiolite acuta

L'adrenalina si dimostra più efficace di altri trattamenti sugli outcome di maggiore rilevanza clinica nei pazienti con bronchiolite acuta curati al di fuori dell'ospedale. Un singolo studio clinico, inoltre, testimonia a favore della combinazione di...
transparent

gen162008

Parkinsonismo: tricloroetilene aumenta il rischio

Neurologia-morbo di Parkinson Uno studio su un gruppo di lavoratori cronicamente esposti al tricloroetilene (TCE), un composto chimico usato nell’industria, ha suggerito che tale esposizione sia un forte fattore di rischio per lo sviluppo di parkinsonismo....
transparent

giu132007

Morbo di Parkinson: blocco canali del calcio ringiovanisce neuroni e rallenta progressione

Neurologia-morbo di Parkinson In un modello murino di morbo di Parkinson, è stato dimostrato che il blocco dei canali del calcio nei neuroni dopaminergici adulti li fa regredire ad uno stadio più giovanile, proteggendoli pertanto dalla progressione...
transparent

mar52007

Diabete tipo 1: ipoglicemia notturna non causa il risveglio

Medicina interna I pazienti con diabete di tipo 1 spesso continuano a dormire durante gli episodi notturni di ipoglicemia, il che incrementa il rischio di ipoglicemia prolungata. La mancanza di risveglio è affiancata dall’assenza di una netta...
transparent

feb132007

Morbo di Parkinson: stimolazione cerebrale limita gli effetti collaterali dei farmaci

Neurologia La stimolazione cerebrale profonda del nucleo subtalamico (STN) modula l’inibizione afferente nel morbo di Parkinson, ed inoltre limita gli effetti collaterali dei medicinali. Nonostante il fatto che la stimolazione dell’STN venga...
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi