Cardiologia

set162021

Mangiare noci migliora i livelli di colesterolo. Ecco lo studio

In adulti sani, una manciata di noci ogni giorno per 2 anni ha ridotto in maniera moderata i livelli di colesterolo LDL e il numero particelle LDL, sia totale sia di quelle piccole. Sono i risultati principali di uno studio pubblicato su Circulation, nel quale sono stati inclusi partecipanti residenti in due regioni diverse del mondo. «Il fatto che le risposte lipidiche non fossero diverse nelle 2 coorti che consumano diete diverse, rafforza la generalizzabilità dei nostri risultati» scrivono i ricercatori. Era già stato dimostrato che la frutta secca, e in particolare le noci, si associno a tassi più bassi di malattia cardiaca e ictus. «Una ragione è che abbassano i livelli del colesterolo LDL, e ora abbiamo un'altra ragione: migliorano la qualità delle particelle LDL» ha affermato l'ultimo autore Emilio Ros, dell'Hospital Clínic di Barcellona.

Nello studio 709 persone tra i 63 e i 79 anni residenti in Spagna (Barcellona) o in California (Loma Linda) sono state assegnate a un gruppo di intervento, il quale doveva consumare 30/60 g di noci al giorno, o a un gruppo controllo, che non doveva mangiarne. Al termine dei 2 anni, il 90% dei partecipanti aveva completato lo studio e i dati delle analisi delle lipoproteine erano disponibili per 628. Ebbene, nel gruppo di intervento si è osservata una riduzione del colesterolo LDL di 4,3 mg/dl, del colesterolo totale di 8,5 mg/dl, e anche del colesterolo IDL (Intermediate Density Lipoprotein; un precursore dell'LDL che si è rivelato di recente un importante fattore di rischio cardiovascolare lipidico indipendente dall'LDL) di 1,3 mg/dl. A diminuire con le noci è stato anche il numero totale di particelle LDL (del 4,3%) e il numero di particelle piccole (del 6,1%). Si è visto, inoltre, che la risposta lipidica alle noci cambiava a seconda del sesso: il colesterolo LDL è diminuito del 7,9% negli uomini e del 2,6% nelle donne. «I nostri risultati rinforzano il concetto secondo cui un consumo regolare di noci può essere una parte utile di un intervento dietetico a più componenti o di un modello dietetico per diminuire i lipidi aterogenici e ridurre il rischio di malattia cardiovascolare» concludono i ricercatori. La riduzione del colesterolo LDL osservata è stata modesta, ma come ha fatto notare Ros, all'inizio i partecipanti erano sani. Una metà è veniva trattata per ipertensione e ipercolesterolemia, ma l'uso di statine in una percentuale di essi ha permesso che i livelli medi di colesterolo nello studio fossero normali. «Per gli individui con altri livelli di colesterolo ematico, la riduzione del colesterolo LDL dopo una dieta arricchita con noci può essere ancora più grande» ha affermato.

Circulation 2021. Doi: 10.1161/CIRCULATIONAHA.121.054051.
https://doi.org/10.1161/CIRCULATIONAHA.121.054051  
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>