Archivio Cardiologia

ott102014

Sintomi da stress postraumatico dopo ischemia cerebrale transitoria

Secondo uno studio pubblicato su Stroke, un attacco ischemico transitorio (Tia) può aumentare il rischio di sviluppare disturbi da stress post-traumatico (Ptsd). «Dato che il 15% circa degli ictus ischemici sono preceduti da un Tia, questi ultimi sono...
transparent
Malattie cardiache: conta anche l’assistenza di qualità

set52014

Malattie cardiache: conta anche l’assistenza di qualità

Per ridurre le probabilità di un attacco di cuore o di un ictus si può fare esercizio fisico, mangiare sano e smettere di fumare. Ma un’assistenza sanitaria di qualità è importante quanto la riduzione dei fattori di rischio cardiovascolare, secondo uno...
transparent

ago12014

Riperfusione Stemi fuori orario di lavoro: c’è spazio per migliorare

Secondo uno studio pubblicato su Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes, nei pazienti con infarto miocardico acuto che arrivano in ospedale nei giorni feriali, festivi, di notte o nei fine settimana il rischio di morte è più alto del 13% rispetto...
transparent

lug42014

Mangiare più frutta e verdura va bene, ma non serve a perdere peso

Per perdere peso, mancano prove sull’efficacia del solo aumento di consumo di frutta e verdura senza diminuire l’apporto energetico totale. È comune raccomandare una dieta ricca in frutta e verdura che aumenti il senso di sazietà per perdere peso, ma...
transparent
Ipertensione e malattie cardiovascolari: rischi diversi a seconda dell’età

giu62014

Ipertensione e malattie cardiovascolari: rischi diversi a seconda dell’età

L’aumento dei valori di pressione sistolica e diastolica può avere effetti cardiovascolari differenti in diverse fasce di età, secondo uno studio britannico pubblicato su un numero di The Lancet che precede Hypertension 2014, il convegno dell’European...
transparent
Evolocumab, l’ultima frontiera anticolesterolo

mag162014

Evolocumab, l’ultima frontiera anticolesterolo

Si chiama evolocumab l’anticorpo monoclonale umano che in sostituzione o in aggiunta alle statine nei pazienti con colesterolo alto provoca un consistente abbassamento delle lipoproteine a bassa densità di colesterolo (Ldl-C). A dimostrarne i benefici...
transparent
Testosterone negli anziani: sicurezza cardiovascolare resta sconosciuta

mag92014

Testosterone negli anziani: sicurezza cardiovascolare resta sconosciuta

Gli studi clinici non forniscono ai medici informazioni sufficienti per comprendere i rischi connessi alla prescrizione di testosterone negli uomini anziani, secondo l’opinione pubblicata su The Lancet Diabetes and Endocrinology di Stephanie Page , professore...
transparent
L’ipertensione cronica complica le gravidanze

apr182014

L’ipertensione cronica complica le gravidanze

Le donne incinte che hanno la pressione del sangue cronicamente elevata hanno anche maggiori probabilità delle coetanee normotese di avere gravidanze complicate da esiti negativi quali parto prematuro, basso peso alla nascita e morte neonatale. «E ciò...
transparent
Grassi saturi: sono loro i nemici del cuore?

mar142014

Grassi saturi: sono loro i nemici del cuore?

Le diete a basso contenuto di grassi non rallentano le malattie cardiache né aiutano a vivere più a lungo: i veri nemici da combattere sono zuccheri e carboidrati. Lo afferma James DiNicolantonio , ricercatore cardiovascolare di Ithaca, New York, e autore...
transparent
Fa con nefropatia: con anticoagulanti non sale rischio tromboembolico

mar72014

Fa con nefropatia: con anticoagulanti non sale rischio tromboembolico

Nei pazienti con fibrillazione atriale, il trattamento con warfarin riduce il rischio di morte, infarto miocardico e ictus ischemico a un anno dall’inizio del trattamento, senza aumentare le probabilità di sanguinamento e in modo indipendente dalla gravità...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi