dallo speciale Cardiologia33

nov142019

Clinica

Aumentare l'esercizio fisico sopra i 60 anni riduce il rischio di ictus e cardiopatie

Gli ultrasessantenni dovrebbero incrementare, e non ridurre, l'esercizio fisico per prevenire ictus e cardiopatie, secondo uno studio pubblicato sull'European Heart Journal. I ricercatori sudcoreani, coordinati da Kyuwoong Kim della Seoul National University,...
transparent

nov142019

Clinica

La frequenza di endocardite dopo TAVR è alla pari con la chirurgia

Da un'analisi dettagliata degli studi PARTNER pubblicata su Circulation emerge un rischio sovrapponibile di endocardite dopo una sostituzione della valvola aortica per via chirurgica (SAVR) o transcatetere (TAVR). «L'incidenza complessiva dell'endocardite...
transparent

nov142019

Clinica

Ipertensione, farmaci a confronto nel trattamento di prima linea

Nel trattamento di prima linea dell'ipertensione, gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) non hanno la stessa efficacia e sicurezza dei diuretici tiazidici. Questo è ciò che emerge da uno studio pubblicato su Lancet....
transparent

ott312019

Clinica

I farmaci anti-ipertensivi andrebbero presi prima di dormire. Ecco perché

Le persone che assumono anti-ipertensivi prima di andare a dormire hanno un minor rischio di morte o malattie causate da problemi cardiaci o dei vasi sanguigni rispetto ai soggetti che assumono i medicinali al mattino. Questo è quanto suggerisce...
transparent

ott312019

Clinica

Fibrillazione atriale dopo impianto valvolare aortico transcatetere, gli esiti sono peggiori

I pazienti sottoposti a impianto valvolare aortico transcatetere (TAVR) e che in seguito sviluppano fibrillazione atriale (AF) hanno esiti a lungo termine peggiori rispetto ai pazienti senza l'aritmia o che ne erano già colpiti precedentemente....
transparent

ott312019

Clinica

Indagine FIpc, cosa fanno gli italiani per preservare la salute del cuore

Non sono incoraggianti i dati dell'indagine "Gli italiani e il cuore", promossa da Astra Ricerche per Fondazione Italiana per il Cuore da cui emerge che tra gli italiani ad alto rischio cardiovascolare 3 su 10 non assumono i farmaci prescritti, uno su...
transparent

ott312019

Clinica

Ipertensione, farmaci di prima linea a confronto per iniziare il trattamento

Per chi soffre di ipertensione gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) potrebbero non essere la scelta migliore per iniziare il trattamento. Questo è quanto emerge da uno studio appena pubblicato su The Lancet e coordinato...
transparent

ott182019

Clinica

Rischio cardiovascolare, un cane in casa si associa a una vita più lunga

Da uno studio pubblicato su Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes coordinato da Caroline Kramer , endocrinologa al Leadership Sinai Center for Diabetes presso il Mount Sinai Hospital di New York, emerge che la scelta di prendere un cane potrebbe...
transparent

ott182019

Clinica

Malattie cardiache, nel diabete di 2 mantenere la perdita di peso è importante per ridurre il rischio

Secondo uno studio appena pubblicato sul Journal of American Heart Association, nei pazienti con diabete di tipo 2 che riacquistano peso calano i benefici della riduzione del rischio di malattie cardiache o ictus rispetto a chi invece mantiene il calo...
transparent

ott182019

Clinica

Malattia cardiaca congenita, possibile aiuto dai beta-bloccanti

Anche se i difetti cardiaci congeniti vengono riparati tramite chirurgia poco dopo la nascita, i bambini mantengono un maggior rischio di insufficienza cardiaca per tutta la vita. Secondo uno studio pubblicato su Science Translational Medicine, i farmaci...
transparent

ott182019

Clinica

Se il reddito diminuisce il rischio cardiovascolare aumenta

Uno studio pubblicato su JAMA Cardiology ha dimostrato che il rischio di malattie cardiovascolari (CVD) cresce in seguito a una riduzione del reddito, mentre diminuisce se il reddito aumenta. «Gli operatori sanitari dovrebbero avere una maggiore consapevolezza...
transparent

ott32019

Clinica

I benefici cardiovascolari di empagliflozin nel diabete indipendenti dai fattori di rischio

Un'analisi post-hoc dello studio EMPA-REG OUTCOME®, presentata al Congresso dell'Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD) a Barcellona, ha dimostrato che i benefici cardiovascolari offerti da empagliflozin, un inibitore SGLT2, sono indipendenti...
transparent


transparent


I focus di Cardiologia

giu172016

Focus

Insufficienza Cardiaca: l’epidemia del 21° secolo. Il punto a Firenze

Dal 21 al 24 Maggio si è tenuto a Firenze il 3° Congresso Mondiale sull'Insufficienza Cardiaca Acuta (Scompenso Cardiaco). E' il Congresso annuale della Heart Failure Association (Hfa), un ramo della European Society of Cardiology (Esc). Durante...
transparent

lug232015

Focus

Arresto cardiaco extraospedaliero: mortalità resta elevata ma rianimazione in strada aumenta

Due studi pubblicati nell'ultimo numero di Jama concludono che l'uso della rianimazione cardiopolmonare e dei defibrillatori automatici esterni da parte dei testimoni di un arresto cardiaco improvviso extraospedaliero (Ohca) non solo è in aumento,...
transparent

lug92015

Focus

Modelli di previsione clinica per le malattie cardiovascolari: numerosi ma poco studiati

Nonostante l'abbondanza di modelli di previsione clinica (Cpm) disponibili per una vasta gamma di malattie cardiovascolari, le loro performance comparative, la consistenza in termini di stime di rischio e il loro impatto clinico reale e potenziale sono...
 
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community