Carcinoma in situ

nov132012

Ca cervicale, rischio resta dopo terapia e tre pap-test normali

Un eccesso di rischio di cancro cervicale, già osservato in donne trattate per neoplasia cervicale intraepiteliale, si è notato anche in un sottogruppo di donne al termine del follow-up dopo il trattamento che avevano avuto tre smear-test (Pap-test) consecutivi...
transparent

ott92012

La miglior strategia nel carcinoma prostatico localizzato

Per i pazienti con carcinoma prostatico localizzato rilevato mediante il dosaggio del PSA non si sa quale sia il miglior atteggiamento da tenere: se aggressivo con prostatectomia o attendistico con osservazione clinica. Per gli estensori dello studio...
transparent

apr272012

Ca prostatico, Imrt superiore alla radioterapia conformazionale

Tra i pazienti con tumore della prostata non metastatico, la radioterapia a intensità modulata (Imrt), confrontata con la radioterapia conformazionale, si è associata a un’inferiore morbilità gastrointestinale e a minori fratture d’anca ma a una maggiore...
transparent

mar202012

Screening ca cervicale, più attenzione a Hpv-16, 18 e 45

Le cellule squamose atipiche il cui significato non è determinato (Ascus) e le lesioni intraepiteliali squamose di basso grado (Lsil) sembrano più correlate all'infezione da papillomavirus umano (Hpv) che ai precursori del cancro: anche Cin3 non deve...
transparent

feb212012

La tempestività non modifica outcome del ca cervicale

Il tempo che intercorre tra la visita iniziale e l’intervento chirurgico non influenza in modo negativo l’outcome per il cancro della cervice, in uno studio retrospettivo giapponese. Secondo la International federation of gynecology and obstetrics, il...
transparent

mar212011

Ca prostata metastatico, denosumab supera zoledronato

Negli uomini con metastasi ossee da cancro prostatico resistente alla castrazione, l'impiego di denosumab, anticorpo monoclonale diretto contro Rankl (fattore chiave dell'attivazione degli osteoclasti), è superiore a quello di acido zoledronico nella...
transparent

mar22011

Un nuovo indice prognostico per il cancro della prostata

Lo score Ccp (progressione del ciclo cellulare) è un valido marker prognostico che, dopo ulteriore validazione, potrebbe svolgere un ruolo di primaria importanza nel determinare il trattamento appropriato da somministrare ai pazienti con carcinoma prostatico....
transparent

feb162011

Effetto antitumorale degli antagonisti della vitamina K

I pazienti anziani che fanno uso di antagonisti della vitamina K (Vka) hanno minori probabilità di sviluppare un cancro – in particolare a carico della prostata - rispetto a chi non ha mai assunto questo tipo di anticoagulanti. È l’esito di uno studio...
transparent

feb12011

L'epigenetica svela l'aggressività del tumore della prostata

L'ipermetilazione di un gene soppressore può essere coinvolta nella patogenesi del cancro prostatico e potrebbe rivelarsi utile per identificare un subset di tumori particolarmente aggressivi. Il merito di questa segnalazione, che aggiunge un’interessante...
transparent

gen102011

Deprivazione androgenica: pro e contro degli estrogeni

Nei pazienti con cancro della prostata in terapia di deprivazione androgenica, gli effetti collaterali degli agonisti dell’Lh-Rh (in primis, disfunzioni sessuali) possono essere ridotti somministrando estrogeni: per migliorarne l’impiego in quest’ambito...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>