Cancro prostatico localizzato

mar22021

Approvazione Fda per relugolix, Gnrh antagonista orale, per il trattamento del carcinoma prostatico

Relugolix è un antagonista recettoriale selettivo del Gnrh, alla cui famiglia appartengono anche cetrorelix e degarelix (già in commercio in Italia), elagolix e abarelix. «È stato recentemente approvato da Fda per il trattamento del cancro...
transparent
Cancro prostata, con il Covid persa una diagnosi su due. Al via campagna informativa

feb262021

Cancro prostata, con il Covid persa una diagnosi su due. Al via campagna informativa

Dall'inizio della pandemia è stata persa una diagnosi su due di cancro della prostata e sono circa 36.000 quelle attese per il 2020. È la fotografia scattata dalla Fondazione Pro nel corso di una conferenza online. «Si tratta del secondo tumore...
transparent
Covid-19 e carcinoma prostatico, calo di visite fa temere il rischio di un aumento di nuove diagnosi

feb152021

Covid-19 e carcinoma prostatico, calo di visite fa temere il rischio di un aumento di nuove diagnosi

Uno degli effetti collaterali dello scoppio della pandemia da coronavirus è stato una significativa e preoccupante riduzione dei trattamenti antitumorali e della presa in carico di pazienti di nuova diagnosi. Facendo particolare riferimento al...
transparent
Tumore prostata, ok della Commissione europea per opzione terapeutica target

nov172020

Tumore prostata, ok della Commissione europea per opzione terapeutica target

Olaparib ha ricevuto l'approvazione europea come monoterapia nel trattamento dei pazienti adulti con carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione (mCrpc) con mutazioni BRCA1/2 (germinale e/o somatica) in progressione da precedente terapia...
transparent
Esmo, tumore prostatico. Nuovi dati positivi dagli studi Profound per olaparib e Aramis per darolutamide

ott72020

Esmo, tumore prostatico. Nuovi dati positivi dagli studi Profound per olaparib e Aramis per darolutamide

Il cancro alla prostata è il tipo di cancro più comune negli uomini, con circa 37.000 nuovi casi diagnosticati in Italia nel 2019. Circa il 20-30% degli uomini con tumore della prostata metastatico resistente alla castrazione (mCrpc) presenta...
transparent
Cancro della prostata, microbioma intestinale influenza la risposta a un trattamento orale

ott62020

Cancro della prostata, microbioma intestinale influenza la risposta a un trattamento orale

Secondo uno studio pubblicato su Nature Communications, alcuni batteri presenti nell'intestino hanno un ruolo nei risultati del trattamento per il cancro alla prostata effettuato tramite una terapia orale con abiraterone acetato. I batteri, infatti,...
transparent
Cancro prostata, 450 mila nuovi casi all’anno. Le iniziative della Siu per la Urology Week

set222020

Cancro prostata, 450 mila nuovi casi all’anno. Le iniziative della Siu per la Urology Week

Il cancro della prostata è diventato il tumore più frequente in Europa e ogni anno viene diagnosticato a circa 450 mila uomini. Con l'obiettivo di aumentare informazione e consapevolezza sulla malattia, è partita il 21 settembre...
transparent
Covid-19, la terapia di deprivazione androgenica riduce il rischio di malattia

mag112020

Covid-19, la terapia di deprivazione androgenica riduce il rischio di malattia

Secondo uno studio pubblicato su Annals of Oncology, gli uomini trattati con terapia di deprivazione androgenica (Adt) per il carcinoma prostatico sono meno a rischio di ammalarsi di Covid-19. «I pazienti con carcinoma della prostata in terapia con...
transparent
Tumore alla prostata, due metodi di biopsia combinati offrono una migliore classificazione

mar172020

Tumore alla prostata, due metodi di biopsia combinati offrono una migliore classificazione

Un esame combinato, composto da una biopsia mirata con risonanza magnetica e da una biopsia sistematica, potrebbe portare a una migliore rilevazione di tumori alla prostata nei pazienti con lesioni visibili alla risonanza, secondo uno studio pubblicato...
transparent
Le verdure non riducono il rischio di progressione del cancro alla prostata iniziale

gen172020

Le verdure non riducono il rischio di progressione del cancro alla prostata iniziale

Secondo uno studio pubblicato su Jama, mangiare più verdure durante la sorveglianza attiva per il carcinoma prostatico in fase iniziale non è una soluzione per ridurre la progressione della malattia. «L'intervento comportamentale in...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>