Broncopolmonite

Riacutizzazioni di Bpco, dalla ‘Rome Proposal’ una ridefinizione più precisa della diagnosi

gen122022

Riacutizzazioni di Bpco, dalla ‘Rome Proposal’ una ridefinizione più precisa della diagnosi

Ridefinire i percorsi clinici di diagnosi e classificazione delle riacutizzazioni della broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco). È quanto intende fare la "Rome Proposal", un documento composto da una serie di raccomandazioni presentato da gruppo...
transparent
Giornata mondiale Bpco, gli esperti: proteggere i polmoni dallo stress ossidativo

nov202020

Giornata mondiale Bpco, gli esperti: proteggere i polmoni dallo stress ossidativo

Tra le cause principali della broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), patologia respiratoria cronica di cui soffre il 4,5% della popolazione italiana, ci sono le infezioni virali che innalzano lo stress ossidativo portando a un aumento delle molecole...
transparent
Bpco, regime terapeutico triplo più efficace della terapia doppia contro le riacutizzazioni

giu292020

Bpco, regime terapeutico triplo più efficace della terapia doppia contro le riacutizzazioni

Secondo i risultati di uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine condotto in pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) da moderata a molto grave, la combinazione budesonide-glicopirronio-formoterolo fumarato somministrata...
transparent
Lo sviluppo polmonare può essere alla base dello sviluppo della Bpco

giu192020

Lo sviluppo polmonare può essere alla base dello sviluppo della Bpco

Secondo un nuovo studio pubblicato su Jama, le persone con vie aeree piccole rispetto alla dimensione dei loro polmoni possono avere una capacità respiratoria inferiore e, di conseguenza, un rischio più elevato di broncopneumopatia...
transparent
Bpco, riduzione mortalità con tre farmaci associati. La conferma dallo studio Impact

giu172020

Bpco, riduzione mortalità con tre farmaci associati. La conferma dallo studio Impact

Se nelle forme meno gravi di Bpco , caratterizzate da un limitato rischio di esacerbazioni, cioè di aggravamenti acuti della cronicità, l'associazione di due farmaci ad azione antinfiammatoria e broncodilatatrice può essere sufficiente,...
transparent
Patologie respiratorie, Corsico (Sip): dopo l’infezione da Covid pazienti a rischio per almeno sei mesi

giu52020

Patologie respiratorie, Corsico (Sip): dopo l’infezione da Covid pazienti a rischio per almeno sei mesi

L'infezione da Covid potrebbe lasciare strascichi a lungo termine sulla funzionalità respiratoria e talvolta comprometterla in modo irreversibile, soprattutto nei pazienti usciti dalla terapia intensiva: i polmoni dei guariti da Covid-19 sarebbero...
transparent
La riabilitazione iniziata precocemente dopo ricovero per Bpco migliora gli esiti dei pazienti

mag142020

La riabilitazione iniziata precocemente dopo ricovero per Bpco migliora gli esiti dei pazienti

In pazienti ricoverati in ospedale per una broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), l'inizio della riabilitazione polmonare entro tre mesi dalla dimissione è stato associato in maniera significativa a un rischio ridotto di mortalità...
transparent
Vaccino antinfluenzale: i ricoverati con polmonite e influenza hanno meno probabilità di averlo ricevuto

ott62015

Vaccino antinfluenzale: i ricoverati con polmonite e influenza hanno meno probabilità di averlo ricevuto

I bambini e gli adulti ricoverati con polmonite acquisita in comunità associata a una sindrome influenzale avevano minori probabilità di avere ricevuto la vaccinazione antinfluenzale rispetto a chi aveva la polmonite senza influenza, secondo...
transparent
La Bpco favorisce il decadimento cognitivo

mar202014

La Bpco favorisce il decadimento cognitivo

Negli adulti anziani la presenza di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) da oltre 5 anni può aumentare il rischio decadimento cognitivo lieve, specie per competenze diverse da quelle mnemoniche. Sono queste le conclusion di Balwinder Singh della...
transparent
Bpco: l’infiammazione predice le riacutizzazioni

giu132013

Bpco: l’infiammazione predice le riacutizzazioni

Elevati livelli di neutrofili, proteina C-reattiva (Pcr) e fibrinogeno aumentano il rischio di riacutizzazioni nei pazienti con malattia polmonare cronica ostruttiva (Bpco), anche nei casi lievi e in quelli senza storia di esacerbazioni precedenti, almeno...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi