Brachiterapia

dic142010

Ca prostatico low-risk, sorveglianza attiva miglior cura

In termini di qualità di vita, per un uomo di 65 anni con cancro prostatico localizzato a basso rischio, la sorveglianza attiva si propone come un approccio ragionevole se confrontato con il trattamento iniziale. Tuttavia, le preferenze individuali giocano...
transparent

ott262010

Ca prostatico: diversi trattamenti cambiano la qualità di vita Urologia

La prostatectomia radicale determina incontinenza urinaria e disfunzione sessuale, ma migliora i sintomi urinari irritativi-ostruttivi preesistenti. La radioterapia esterna e la brachiterapia causano eventi avversi irritativi-ostruttivi urinari e qualche...
transparent

apr262010

Ca prostatico, no a brachiterapia più ormoni

Oncologia L'impiego della terapia ormonale neoadiuvante, in aggiunta alla brachiterapia, aumenta il rischio di mortalità in pazienti anziani con carcinoma prostatico localizzato. A fare chiarezza sul ruolo della combinazione di questi approcci...
transparent

mag192008

Tumori esofagei: utile brachiterapia

Gastroenterologia-neoplasie gastrointestinali Nei pazienti con tumori esofagei avanzati, la brachiterapia tramite uno stent esofageo autoespandente caricato con semi di iodio-125 prolunga il sollievo dalla disfagia ed estende la sopravivenza complessiva....
transparent

apr102007

Tumore prostatico: nuovo studio aiuta selezione trattamenti

Oncologia La brachiterapia interstiziale e la prostatectomia radicale per i tumori prostatici localizzati a basso rischio hanno un costo simile, ma presentano effetti collaterali diversi ed un differente impatto sulla qualità della vita. Attualmente...
transparent

mar272007

Tumore prostatico: sicura sostituzione testosterone

Oncologia La terapia testosteronica sostitutiva (TRT) risulta sicura negli uomini che vanno incontro a sintomi ipogonadali a seguito di brachiterapia per tumore prostatico. Tale strategia potrebbe infatti essere di beneficio con uno stretto monitoraggio...
transparent

mar262007

Sostituzione testosterone sicura dopo tumore prostatico

Oncologia La terapia testosteronica sostitutiva (TRT) è sicura negli uomini con sintomi di ipogonadismo a seguito di brachiterapia per tumore prostatico. Tale trattamento potrebbe risultare infatti di beneficio, ma deve essere accompagnato ad uno...
transparent

gen172007

Fosfodiesterasi inibitori a seguito di brachiterapia aiutano funzionalità erettile

A seguito di brachiterapia per tumore prostatico, l’uso di un inibitore delle fosfodiesterasi entro un anno può preservare e ripristinare la funzionalità erettile. Inizialmente era stato osservato che questi farmaci determinano un miglioramento...
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>