Bevande

dic92007

Nicotina utile agli alcolisti in cura

Psichiatria-sostanze psicoattive L’uso di un cerotto alla nicotina ad alte dosi può ridurre i danni dovuti all’alcool a carico dell’attenzione e della memoria a breve termine negli alcolisti in ripresa che fumano: l’esposizione...
transparent

set172007

Carica virale nel latte non correlata a mastite

Malattie infettive-infezioni sistemiche Gli indicatori di laboratorio di mastite non sono fattori predittivi utili della carica virale nel latte mammario delle singole donne. Il dosaggio diretto dell’Hiv nel latte non è adatto all’uso...
transparent

set42007

Caffè aumenta rischio trattamento antiipertensivo

Scienze dell’alimentazione-alimentazione e patologia Il consumo di caffè incrementa il rischio di trattamento farmacologico antiipertensivo in quantità lievi-moderate. Soltanto due studi prospettici in precedenza avevano investigato l’associazione...
transparent

lug22007

Blefarospasmo ad insorgenza tardiva: ruolo protettivo del caffè

Oftalmologia-palpebre ed apparato lacrimale     Bere caffè, ma non fumare sigarette, può avere un effetto protettivo nel blefarospasmo primario ad insorgenza tardiva, un raro tipo di distonia. Bere una o due tazzine di caffè...
transparent

giu62007

Tumore epatico: consumo di caffè riduce il rischio

Gastroenterologia-fegato e vie biliari L’incremento del consumo di caffè diminuisce il rischio di sviluppare tumore epatico. I dati sui possibili effetti benefici del caffè sulla funzionalità epatica e sulle malattie del fegato...
transparent

mag292007

Gotta: aumento consumo di caffè riduce il rischio negli uomini

Endocrinologia-gotta Il consumo di caffè a lungo termine è associato al rischio di gotta negli uomini sopra i 65 anni. Il caffè è una delle bevande più ampiamente consumate e può influenzare la gotta tramite vari meccanismi:...
transparent

feb82007

Allattamento al seno aiuta sviluppo della vista

I neonati allattati al seno hanno probabilità significativamente maggiori di effettuare una successiva buona performance nei parametri della stereoacuità foveale rispetto a quelli che hanno ricevuto latti formulati: ciò supporta la teoria...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>