Avitaminosi

mag102008

Cataratta: la E non riduce il rischio

Oftalmologia-cataratta Il trattamento con vitamina E non è associato ad alcuna riduzione del rischio di cataratta da invecchiamento nelle donne sane. I dati derivanti da studi caso-controllo in genere supportano un effetto benefico della vitamina...
transparent

mag62008

Vitamina D3 sicura negli adolescenti

Scienze dell’alimentazione-nutrizione nell’età dello sviluppo La somministrazione di vitamina D3 a dosi giornaliere di 2000 UI per un anno è sicura negli adolescenti, e consente di ottenere livelli desiderabili di vitamina D. L’ipovitaminosi...
transparent

mag52008

Diabete: calcio e vitamina D non riducono il rischio

Endocrinologia-diabete L’integrazione di calcio e vitamina D3 non riduce il rischio di diabete. Studi sperimentali ed epidemiologici avevano suggerito che calcio e vitamina D potessero ridurre questo rischio, ma è stato recentemente rilevato...
transparent

feb262008

Vitamina E limita eventi cardiaci in alcuni diabetici

Endocrinologia-diabete L’integrazione di vitamina E riduce gli eventi cardiovascolari nei pazienti di mezza età con diabete di tipo 2 e genotipo Hp 2-2. L’aptoglobina (Hp) è un fattore determinante di eventi cardiovascolare nei pazienti...
transparent

gen302008

Calcio e vitamina D utili anche nei paesi soleggiati

Endocrinologia-metabolismo osseo Anche nei climi soleggiati,  l’aggiunta di vitamina D al calcio comporta benefici a lungo termine sulla BMD dell’anca e sul turnover osseo nelle donne anziane residenti in comunità. L’aggiunta...
transparent

gen242008

Anziani: deficit vitamina E connesso a declino fisico

Geriatria-invecchiamento Basse concentrazioni sieriche di vitamina E, un indicatore di uno status nutrizionale deficitario, sono associate a susseguente declino fisico negli anziani residenti in comunità. Il mantenimento dell’indipendenza degli...
transparent

ott142007

Poca vitamina D preoccupa i polmoni

Malattie infettive-apparato respiratorio Vi è un’associazione fra scarse concentrazioni sieriche di vitamina D ed il rischio di infezioni acute del tratto respiratorio. Recentemente è stato dimostrato che la vitamina D ha un ruolo nel...
transparent

ott12007

La vitamina E protegge le vene delle donne

Arteriopatie periferiche Le donne che ricevono un’integrazione della vitamina E presentano una riduzione del 21 percento delle tromboembolie venose, e le donne con predisposizioni genetiche potrebbero beneficiarne in modo particolare. La vitamina...
transparent

lug122007

Calcolosi urinaria: polimorfismo gene recettore vitamina D aumenta il rischio

Nefrologia e urologia-calcolosi Un polimorfismo del gene per il recettore della vitamina D (Fok-1) è associato ad alcuni aspetti dell’urolitiasi calcica. Esso può infatti svolgere un ruolo importante nella presentazione clinica dei pazienti...
transparent

lug62007

Tumore mammario premenopausale: calcio e vitamina D diminuiscono il rischio

Oncologia-mammella Le donne che presentano elevati livelli di assunzione di calcio e vitamina D sono a basso rischio di sviluppo di tumore mammario premenopausale. Dati su animali avevano già suggerito il potenziale effetto anticangerogeno di calcio...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi