Arresto cardiaco

set142011

Arresto: rianimazione più lunga prima dell'analisi del ritmo

Nei casi di arresto cardiaco extraospedaliero, l'applicazione da parte di personale specializzato di una rianimazione cardiopolmonare di breve durata - compresa fra 30 e 60 secondi – non comporta differenze rispetto a una rianimazione di più lungo periodo...
transparent
Nuove norme su defibrillatori, per i cardiologi un passo importante

giu202011

Nuove norme su defibrillatori, per i cardiologi un passo importante

È operativo, con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, il decreto legge per la diffusione in ambito extraospedaliero dei defibrillatori semiautomatici esterni, che potranno essere utilizzati da personale non sanitario, purché adeguatamente istruito....
transparent

mar142011

Rianimazione migliore con compressione-decompressione attiva

Mediante rianimazione cardiopolmonare con compressione-decompressione attiva (Acd-Cpr) e aumentata pressione negativa intratoracica si può incrementare, rispetto alla tecnica standard, la sopravvivenza a 1 anno dei soggetti con arresto cardiaco extraospedaliero....
transparent

feb92011

Arresto cardiaco: più chance se avviene in luogo pubblico

La quantità di arresti cardiaci extraospedalieri che si presentano con fibrillazione ventricolare iniziale o tachicardia ventricolare senza polso è molto superiore nei luoghi pubblici piuttosto che al domicilio del paziente, e il valore incrementale delle...
transparent

nov302008

Arresto cardiaco: comune senso di soffocamento

Anestesiologia e rianimazione-rianimazione Alcuni pazienti che vanno incontro ad arresto cardiaco fuori dall’ospedale possono presentare senso di soffocamento, ma ciò non deve trattenere i testimoni dal praticare la compressione toracica: la...
transparent

lug92008

L’extracorporea aiuta a trattare l’arresto cardiaco

Anestesiologia e rianimazione-rianimazione Il supporto vitale extracorporeo combinato con la resuscitazione cardiopolmonare (CPR) tradizionale raddoppia le possibilità di sopravvivenza del paziente rispetto a quest’ultima da sola nei pazienti...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi