Arresto cardiaco

ott202014

L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di morte per cause cardiache

L’esposizione agli inquinanti aumenta il rischio di morte per problemi cardiaci secondo due studi, uno nipponico e l’altro statunitense, pubblicati rispettivamente su Joem, il Journal of occupational and environmental medicine, e su Circulation. Nel primo...
transparent

set252014

Quattordici domande per identificare le malattie cardiache congenite o genetiche

Non solo elettrocardiogramma, ma anche una check-list in 14 punti per la diagnosi precoce delle malattie cardiache congenite e genetiche tra 12 e 25 anni. E la risposta positiva a una qualsiasi dell’elenco di domande fa capire che sono necessari ulteriori...
transparent

set152014

Dopo rianimazione per arresto cardiaco i fumatori sopravvivono di piu'

Dopo quello francese, ecco il paradosso del fumatore: tra i pazienti sottoposti a rianimazione cardiopolmonare (Cpr) per arresto cardiaco in ospedale, i fumatori sopravvivono più dei non fumatori. «E hanno anche meno probabilità di avere postumi neurologici...
transparent
Monitorare i parametri vitali riduce comparsa di eventi cardiaci imprevisti

giu162014

Monitorare i parametri vitali riduce comparsa di eventi cardiaci imprevisti

Spesso durante un ricovero in ospedale si verificano eventi avversi improvvisi, come un arresto cardiaco; prevenirli è possibile attraverso il monitoraggio regolare di pochi parametri vitali. Sono questi i risultati emersi dallo studio multicentrico...
transparent
Bcis: una sindrome rara ma non trascurabile

giu142014

Bcis: una sindrome rara ma non trascurabile

La sindrome da impianto di cemento osseo (Bcis – Bone cement implantation syndrome ) resta una evenienza rara, ma non così tanto da indurci a pensare che gli ortopedici non la debbano conoscere e non debbano sapere cosa fare nel caso si manifesti. Con...
transparent

nov292012

Arresto cardiaco in ospedale: in Usa outcome in miglioramento

In base ai dati di un registro nazionale dell'American heart association, nell'ultima decade sono migliorati gli outcome sia di sopravvivenza sia neurologici dopo arresto cardiaco intraospedaliero. Lo comunica Saket Girotra , della University of Iowa,...
transparent

set172012

Efficace il massaggio meccanico in caso di arresto cardiaco

L’8 e 9 settembre scorso, presso l'istituto Mario Negri di Milano, si è tenuto un importante simposio su arresto cardiaco, shock e trauma. Sono intervenuti 150 tra i massimi esperti internazionali del settore, oltre ai responsabili della definizione...
transparent

gen192012

Arresto cardiaco nella maratona: sale il rischio tra i maschi

Il rischio globale di arresto cardiaco e morte improvvisa tra i corridori di maratona e mezza maratona è basso. In ogni caso, l'arresto cardiaco, principalmente attribuibile a cardiomiopatia ipertrofica o ad aterosclerosi coronarica, si verifica primariamente...
transparent

nov82011

C’è anche la sindrome del QT corto

Sappiamo molto della sindrome del QT lungo (SQTL), ma poco o pochissimo su una sindrome che è, per molti versi, il contrario della SQTL ma che (talvolta gli estremi si toccano) può provocare delle aritmie importanti fino alla morte improvvisa: la sindrome...
transparent

ott112011

La prevenzione dell’arresto cardiaco in ospedale

Meno del 20% dei pazienti che hanno un arresto cardiaco in ospedale sopravvive e torna a casa. Il precoce riconoscimento del deterioramento delle condizioni cliniche del paziente è il primo passo della catena della sopravvivenza. La prevenzione dell’arresto...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi