Aritmia

lug92013

La terapia anticoagulante migliora l’outcome nello stroke acuto?

Il recupero dello stroke acuto è spesso complicato da tromboembolismo venoso (1–5%) o da stroke ricorrente (1–20%). Sarebbe quindi indicata una terapia anticoagulante, che però comporta il rischio di emorragie intracraniche ed extracraniche, per cui le...
transparent

mag202013

Aggiornate le linee guida italiane sul trattamento della Fa

A distanza di soli 3 anni dalla versione precedente, l’Aiac (Associazione italiana di aritmologia e cardiostimolazione) ha aggiornato le proprie linee guida sul trattamento della fibrillazione atriale (Fa). Antonio Raviele , presidente di Alfa (Alleanza...
transparent

mag152013

Fibrillazione atriale: outcomes clinici nei differenti trattamenti

Gli obiettivi di una recente analisi, effettuata in un sottogruppo di pazienti dello studio ROCKET AF che erano stati sottoposti a cardioversione elettrica o farmacologica o ad ablazione transcatetere per una fibrillazione atriale (FA), erano duplici:...
transparent
Icd: allungare l’intervallo protegge il cuore

mag92013

Icd: allungare l’intervallo protegge il cuore

Programmare un defibrillatore cardiaco impiantabile (Icd nell'acronimo inglese), con un intervallo di rilevamento lungo rispetto allo standard riduce la frequenza di stimolazioni antitachicardiche (Atp), di shock erogati e di shock inappropriati
transparent

apr182013

Conduzione difettosa aumenta rischio di fibrillazione

Il rischio di fibrillazione atriale o di insufficienza cardiaca congestizia aumenta in presenza di anomalie elettrocardiografiche apparentemente innocue
transparent

apr92013

Fibrillazione atriale e demenza: non solo eventi ictali

Alcuni colleghi della Harvard School of Public Health e del Massachusetts General Hospital, coordinati da Kalantarian hanno realizzato una recente ponderosa meta-analisi, pubblicata sugli Annal of Internal Medicine, per valutare la associazione tra...
transparent

mar262013

L’uso delle statine riduce il rischio di Fibrillazione Atriale

La valutazione con lo score CHADS 2 (insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, età ≥ 75 anni, diabete mellito, precedente ictus o attacco ischemico transitorio) appare utile non solo per identificare i pazienti con Fibrillazione Atriale (FA)...
transparent

mar132013

Beta-bloccanti e scompenso: minore efficacia in presenza di FA

Interessante una recente meta-analisi che ha voluto verificare se l’efficacia clinica dei beta-bloccanti quale trattamento a lungo termine dello scompenso cardiaco fosse sovrapponibile nella popolazione di pazienti ancora in ritmo sinusale rispetto a...
transparent

gen302013

Nella FA è più importante tenere sotto controllo il ritmo o la frequenza?

Secondo un recente studio pubblicato su Circulation, nella fibrillazione atriale (FA) la terapia di controllo del ritmo è associata ad un minor rischio di stroke (ictus/TIA) rispetto a quella di controllo della frequenza; ciò vale soprattutto per i soggetti...
transparent

dic172012

Censis: italiani disinformati su fibrillazione atriale e rischi

Quattro italiani su 10 non sanno che cosa sia la fibrillazione atriale, e il 60% delle persone ignora il legame tra l'aritmia e l'ictus. È uno dei dati, presentati a Roma il mese scorso, contenuti nella prima indagine condotta in Italia dal Censis sul...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community