Anziano

mag212012

La Pci è sicura e fattibile nei grandi anziani

L'intervento coronarico percutaneo (Pci) è sicuro e fattibile anche nei pazienti di età pari o superiore a 90 anni, mostrando accettabili tassi di sanguinamento maggiore. I dati a lungo termine, però, evidenziano alti valori di mortalità, soprattutto...
transparent

apr162012

Cure cardiologiche inadeguate per gli over 65. Nasce la Sicge

In Italia, e in Europa, esiste un problema irrisolto: quello di un adeguato approccio alle cure per il paziente anziano, in particolare nel campo cardiovascolare, dato che il cuore è l’organo più a rischio dopo i 65 anni. Da questa consapevolezza è nata...
transparent

apr112012

Cancro al seno negli anziani: aggiornate le raccomandazioni

Le raccomandazioni internazionali per il trattamento del tumore al seno nei soggetti anziani sono state aggiornate da una task force congiunta tra International society of geriatric oncology (Siog) e European society of breast cancer specialists (Eusoma)
transparent

gen112012

Serve abbassare il colesterolo nel grande anziano?

Un lavoro pubblicato a novembre da un gruppo di ricercatori olandesi sul J Am Geriatr Soc ha riscontrato che livelli alti di colesterolo e di non-HDLc  sono associati con un più basso rischio di mortalità non cardiovascolare e totale. Ciò vale soprattutto...
transparent

set152011

Diagnosi di Bpco per un quarto della popolazione durante la vita

Durante il corso della vita, circa 1 individuo su 4 probabilmente riceve una diagnosi di broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) e la relativa assistenza. È quanto emerge da una ricerca realizzata da un team guidato da da Andrea S. Gershon dell'università...
transparent

lug62011

I defibrillatori impiantabili e la mortalità negli ultra 80enni

L'impianto di cardioversori-defibrillatori (Icd) non previene la morte cardiaca improvvisa negli ottantenni e nei novantenni, nei quali i principali determinanti di sopravvivenza sono l'età e la velocità di filtrazione glomerulare (Gfr). Lo ha verificato...
transparent

giu82011

Cure cardiologiche negli anziani: un nuovo paradigma

L’invecchiamento progressivo della popolazione – evidente in tutto il mondo – porta con sé ad un inevitabile, conseguente incremento delle malattie cardiovascolari; il paziente cardiologico è oggi prevalentemente un soggetto anziano e pertanto il trattamento delle problematiche cardiologiche deve tener conto delle comorbilità e degli elementi di complessità e fragilità associati all’età avanzata.
transparent

mag252011

Ipertensione nell’anziano: ACCF/AHA 2011 consensus document

Si sa che l’ipertensione colpisce la maggior parte della popolazione oltre i 65 anni, dove è molto frequente anche il danno d’organo e lo studio Hyvet ha stabilito che la pressione arteriosa va curata anche sopra gli 80 anni di età. Non stupisce quindi...
transparent

mag42011

Il calo senile di vista e udito accresce depressione e ansia

Nella popolazione anziana, il deterioramento progressivo della vista e dell'udito può aumentare il rischio di sindromi depressive e ansiose. La correzione di tali deficit potrebbe però essere in grado di migliorare la qualità di vita di questi pazienti,...
transparent

apr152011

Scompenso cardiaco: arbitraria esclusione degli anziani dai trial

Nonostante le raccomandazioni delle agenzie regolatorie nazionali e internazionali, i pazienti più anziani continuano a essere esclusi dai trial clinici sullo scompenso cardiaco. Lo rivela un'analisi delle sperimentazioni in corso (al 1° dicembre 2008)...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi